Alternativa Tricolore: Il mostro a tre teste, il federalismo fiscale che ha portato all'aumento delle tasse.

18/set/2014 00.01.15 Alternativa Tricolore Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Il federalismo fiscale tartassa gli italiani. E con la scusa della tassazione decentrata si può arrivare a situazioni senza senso con alcune province italiane in cui gli artigiani, e le piccole e medie imprese, si ritrovano a lavorare per StatoRegioniProvince Comuni fino a dopo Ferragosto, mentre solo tre anni fa il debito con il fisco veniva chiuso a fine luglio.


Il taglio dei trasferimenti, il decentramento dell’imposizione fiscale e il boom delle imposte stabilite dalle amministrazioni sul territorio creano squilibri assurdi a livello nazionale, trovandosi così ad avere che un artigiano della provincia Como finisce di lavorare per il fisco il 16 agosto, il collega di Sondrio inizia a respirare già (si fa per dire) dal 28 luglio ed una bottega di Cuneo inizia a lavorare per se stessa a partire dal 25 luglio.


Il federalismo fiscale, così tanto voluto e pubblicizzato dalla Lega Nord, ha così partorito un mostro fiscale a tre teste: nazionale, regionale e comunale, questo è risultato da uno studio della CNA sulla tassazione in 112 Comuni d’Italia, il quale ha mostrato dettagliatamente differenze notevoli tra città e città.


Comune che vai, tassa che trovi”, per molti Sindaci ormai è l'unica risposta che riescono a trovare per giustificare le batosta di Irpef e Tasi sui cittadini, e se dallo Stato arrivano sempre meno fondi gli enti locali si ritrovano a dover caricare le loro di imposte, finendo per creare non solo malumori, ma anche tante differenze.


Queste differenze sono aumentate in maniera sensibile negli ultimi anni, facendo così slittare il cosiddetto tax free day, ovvero il giorno in cui un’azienda può finalmente iniziare a lavorare per se stessa. Giorno che, per esempio, a Como coincide con il 16 agosto, ma che Firenze, Roma e Bologna vedono soltanto il 29 settembre.


Questo “gioco al massacro” figlio del federalismo fiscale, ovviamente impoverisce artigiani e le imprese di piccole e medie dimensioni, ma è solo l'assenza di un analogo studio sulle famiglie, che non è possibile avere un dato certo, ma si può solo fare una stima sul fatto che anche su questo fronte il federalismo fiscale sta causando differenze e diseguaglianze clamorose.


Il Segretario Federale della Lega NordMatteo Salvini, perché prima di sbraitare contro lo stato non fa un passo indietro sul “tanto paventato” federalismo fiscale? Questo mostro a “tre teste” è figlio di quella demagogia che per anni li ha portati a presentarlo come la soluzione dei problemi, mentre oggi si è rilevata essere solo un problema più grande.


Per noi, di Alternativa Tricolore, la cancellazione del federalismo fiscale può essere una piccola soluzione per aziende e famiglie, che in un momento di crisi economica, come questa che viviamo, si ritrovano ad avere introiti sempre minori grazie alle imposte locali che aumentano a vista d'occhio.


Luigi Cortese

Segretario Nazionale

 

Alternativa Tricolore

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl