RISORSE SICILIANE IN "SVENDITA GLOBALE"

RISORSE SICILIANE IN "SVENDITA GLOBALE" MOVIMENTO PER L'INDIPENDENZA DELLA SICILIA fondato nel 1943 - CUMUNICATU STAMPA - RISORSE SICILIANE IN "SVENDITA GLOBALE" Un'altro pezzo di Sicilia va ad arricchire casse straniere.

Allegati

23/mag/2007 14.10.00 Movimento per l'Indipendenza della Sicilia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
MOVIMENTO PER L'INDIPENDENZA DELLA SICILIA
fondato nel 1943


- CUMUNICATU STAMPA -

RISORSE SICILIANE IN "SVENDITA GLOBALE"

Un'altro pezzo di Sicilia va ad arricchire casse straniere. Giunge infatti la notizia che la multinazionale Nestlè ha raggiunto un accordo per lo sfruttamento delle sorgenti acquifere di Santo Stefano di Quisquina.

Tali sorgenti da molti anni sono sfruttate dalla Società Monti Sicani di Lercara Friddi (il paese natale del grande leader indipendentista Andrea Finocchiaro Aprile) che ne ha imbottigliato le acque commercializzandole nella "provincia" di Agrigento e in altre zone della Sicilia.

Uno sfruttamento, come quello di tutte le sorgenti di acque demaniali, dai costi irrisori, che causa quindi un debole ritorno economico alla collettività. Un affare d'oro per la Nestlé, notoriamente poco attenta ai diritti delle popolazioni sulle quali incide il proprio business.

Infatti, pur mantenendo il precedente assetto occupazionale, questo accordo probabilmente porterà la quasi totale sparizione dell'acqua "Santa Rosalia" dai negozi siciliani, ai quali si preferisce imporre prodotti di importazione (anche e soprattutto italiana) a basso costo. Proprio perché i siciliani rappresentano un ampio mercato di assorbimento del surplus italiano e globale, a basso costo e bassa qualità, con la caratteristica, in barba al fordismo, di essere quasi del tutto improduttivo.

Perché, questo va ribadito con forza, la colonizzazione italiana ha fatto dei Siciliani dei consumatori compulsivi che non producono.

E come, del resto, potrebbero produrre, con il progressivo (ed ormai totale, vista la ormai definitiva sparizione del Banco di Sicilia, già divenuto italiano grazie anche e soprattutto all'immobilismo della Regione Siciliana, ed in questi giorni destinato a sparire lasciandone forse il solo marchio come "specchietto per le allodole siciliane" al pari di altri) smantellamento del sistema bancario siciliano, che della Sicilia era e avrebbe dovuto continuare ad essere il volano economico?
Oggi le banche italiane in Sicilia per consentire la sopravvivenza dei pochi piccoli imprenditori e commercianti, oltre che di una massa di famiglia siciliane in gravi difficoltà, sta mettendo gli artigli su quanto si possa avere di più importante: il piccolo patrimonio immobiliare, le case.

Tolteci quelle, ci rimarranno le valigie: non più di cartone, ma prodotte in Cina in condizioni di schiavitù, ed importate e vendute ad altri schiavi.
Gli schiavi degli Italiani: i Siciliani.

Che non hanno l'acqua corrente e potabile in casa, pur essendo la Sicilia una miniera d'acqua: si sono forse dimenticati i politici italiani e quelli siciliani traditori, nei loro vaneggiamenti imperial-risorgimentalistici il "granaio di Roma", che peraltro significò l'inizio del disboscamento di massa della Sicilia, che dovrebbe una volta per tutte essere invertito per migliorare il clima come anche la situazione idrica?

Le sorgenti di contrada Margimuto ufficialmente servono per fornire acque a dieci comuni girgentani. Ma le condotte idriche, pur mescolandole con acque di diga e di mare, nei rubinetti non portano nemmeno una goccia. La classe politica dominante si tiene ben lontana, ed anzi ha allontanato quanti lo hanno proposto o tentato, dal ricostruire il sistema di distribuzione idrica. Perché ciò significherebbe togliere sofferenze ai Siciliani, e dare loro la libertà dal clientelismo, dall'assistenzialismo, la libertà di scegliere ed agire...per la libertà.

Invece, tutti a soffrire la sete e la disoccupazione: ENI, Tecnital, Marketing Sud, Conad, Coem, RFI, Istituto Bellini di Catania, Cesame, alcune delle decine e decine di sigle ed enti i cui dipendenti siciliani hanno il posto di lavoro a rischio, o non ce l'hanno più.

Caso esemplare è la Birra Messina: glorioso marchio che per decenni, davanti ad una bottiglia di birra, ha ricordato ai Siciliani di essere figli della Trinakria, è stata progressivamente smantellata e atrofizzata da un'altra multinazionale, la Heineken. Oggi la Birra Messina si distribuisce quasi solo in "provincia" di Messina, non si produce più in Sicilia, e lo stabilimento di Messina sta per chiudere.

«Una Paese non è un Paese se non ha una compagnia aerea e una birra» diceva Frank Zappa: la Sicilia, oltre all'indipendenza, ha perso anche le sue banche, le sue società pubbliche, le sue industrie, la sua compagnia aerea, l'Air Sicilia (oggi esiste la WindJet, che però non usa un nome riconducibile alla Nazione Siciliana), e sta per perdere definitivamente la sua birra. Forse proprio dalla birra possiamo iniziare l'inversione di tendenza: il Movimento per l'Indipendenza della Sicilia si batterà, accanto ai lavoratori dello stabilimento di Messina e di tutti i Siciliani, perché la Birra Messina non scompaia, anzi riprenda ad essere prodotta e distribuita in tutta la Sicilia.

La possibilità concreta c'è: la famiglia Faranda, siciliani che fanno impresa e producono in Sicilia, sono interessati all'acquisto del marchio e dello stabilimento. È assolutamente necessario che ciò si concretizzi: si segua l'esempio della birreria Pedavena, salvata dalla chiusura dai dipendenti e dalla gente comune.

I Faranda, peraltro, lavorano proprio con le acque minerali: segno che questo business si può effettuare anche in Sicilia, ad opera di Siciliani, in maniera sostenibile, equa e solidale.

Si ponga quindi fine a questa vergognosa svendita globale, globalizzante e colonizzatrice della Sicilia e delle sue risorse, non ci siano più storie come quella del Banco di Sicilia, delle acque siciliane che non si possono privatizzare e svendere agli stranieri, del Val di Noto regalato alle trivellazioni della Panther. La Sicilia, con tutte le sue risorse, torni ai Siciliani, e a questi ne torni il governo, la sovranità, l'indipendenza.
 
Catania,23 Maju 2007

A cura dell'Ufficio Stampa, Comunicazione e Propaganda del M.I.S.


Movimento per l'Indipendenza della Sicilia

Sede Riposto
(Presidenza Nazionale - Segreteria Nazionale):
Corso Italia, 289 - Riposto (CT)

Tel. (+39) 095 934025
Fax (+39) 178 2211303

Sede S.Venerina
Via Giovanni Mangano, 17 - S.Venerina (CT)
Tel. (+39) 095 953464

Sede Belpasso
Via Lorenzo Bufali, 2 - Belpasso (CT)
Mobile (+39) 368 7817769

Ufficio Stampa, Comunicazione e Propaganda
Tel. (+39) 095 518 7777
Fax (+39) 095 29 37 230
Mobile (+39) 349 6933580

internet: www.siciliaindipendente.org

email: mis1943@gmail.com

Skype id: nicheja

«Noi vogliamo difendere e diffondere un'idea della cui santità e giustizia siamo profondamente convinti e che fatalmente ed ineluttabilmente trionferà».

Andrea Finocchiaro Aprile, 1944


(cc) 2007 Movimento per l'Indipendenza della Sicilia - some rights reserved (Creative Commons license by-nc-nd 2.5 it)
QUESTO MESSAGGIO PUÒ ESSERE LIBERAMENTE E GRATUITAMENTE INOLTRATO NELLA SUA INTEREZZA ED ATTRIBUENDONE L'ORIGINE A CHIUNQUE RITENIATE POSSA ESSERE INTERESSATO AI CONTENUTI ESPRESSI E ALLE INIZIATIVE DEL M.I.S .


AVVERTENZA PER LA PRIVACY - D.L.196/2003
I Comunicati informativi e/o stampa  del "Movimento per l'Indipendenza della Sicilia" rispettano le norme sulla privacy del Decreto Legislativo 196/giugno 2003. Essi non rappresentano "spam" ma informazione politica, culturale, sociale ed economica su argomenti di attualità e riflessione aventi ad oggetto la Sicilia ed i Siciliani, non rientrando quindi tra le categorie di e-mail che necessitano del preventivo consenso del destinatario secondo il predetto Codice della Privacy ( D.L. 196/2003). Sono inviati a coloro il cui indirizzo è stato segnalato dagli utenti stessi, da conoscenti, dalla Stampa o da elenchi resi pubblici. NON HANNO ALCUN SCOPO DI LUCRO. Gli indirizzi non vengono ceduti in alcun caso a terze parti né pubblicizzati in alcuna maniera, salvo meri errori materiali. Chiunque collegato intendesse inviare informazioni o documentazioni, può farlo, come anche fare inserire un nuovo indirizzo e-mail di un conoscente invitando l'interessato ad inviare un messaggio a " mis1943@gmail.com" o registrandosi al sito www.siciliaindipendente.org.  Lo stesso procedimento, vale a dire l'invio di una e-mail al sopraindicato indirizzo vale per chi volesse essere cancellato dalla mailing list ai sensi del succitato Decreto Legislativo. Accettiamo di buon grado sia consigli che suggerimenti e/o sproni.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl