[I VENETI - COMUNICATO]: Assassinio dei coniugi Pellicciardi Treviso. Il ministro Amato si dimetta.

Uno degli assassini difatti si trovava libero e ha potuto commettere la strage proprio a seguito dell'Indulto invocato dal ministro Amato e approvato dal parlamento italiano, che ha permesso in questi mesi a migliaia e migliaia di criminali di reiterare i reati per i quali erano già stati condannati.

04/set/2007 21.10.00 I Veneti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


-----
COMUNICATO STAMPA
-----


-----

Assassinio dei coniugi Pellicciardi Treviso. Il ministro Amato sidimetta.

Le dichiarazioni trònfie del ministro della Repubblica italiana Amato a seguito della  cattura degli assassini dei coniugi Pellicciardi sono da considerarsi vergognose ed inaccettabili.


-----


-----
download comunicato: http://www.iveneti.org/press/Amato_si_dimetta.pdf
-----


Treviso, 4 settembre 2007


Le dichiarazioni trònfie del ministro della Repubblica italiana Amato aseguito della  cattura degli assassini dei coniugi Pellicciardi sono da considerarsi vergognose ed inaccettabili.

Uno degli assassini difatti si trovava libero e ha potuto commettere la strage proprio a seguito dell'Indulto invocato dal ministro Amato e approvato dal parlamento italiano, che ha permesso in questi mesi a migliaia e migliaia di criminali di reiterare i reati per i quali erano già stati condannati.
 
Il governo italiano e i parlamentari, sia di destra che di sinistra,che hanno permesso l'approvazione dell'indulto vanno considerati moralmente complici  dell'efferato delitto e di ogni crimine commesso dai delinquenti ai quali è stata cancellata la pena in seguito a questo iniquo provvedimento legislativo.
 
In un paese civile, le dimissioni dei responsabili politici di un disastro di tale portata, ministro Amato in testa, sarebbero state immediate, ma lo stato italiano non può definirsi nemmeno lontanamente un paese civile.
 
Ancora una volta si dimostra l'inadeguatezza del sistema politico italiano, capace solamente di aggravare quotidianamente la situazione del Popolo veneto.
 
Per risolvere in maniera soddisfacente il problema della sicurezza, I VENETI vedono come unica soluzione la possibilità di decidere da soli il nostro futuro, di poter fare leggi a tutela del nostro modo di vivere laborioso e sereno, leggi che i veneti accoglierebbero con grande favore. In altri termini, l’indipendenza dei veneti.



Per “I VENETI”
Presidente: Patrik Riondato

mobile 348.90.65.373
fax 0444.138.03.78

E-mail: info@iveneti.org
Web: http://www.iveneti.org

Sede Legale: Via Mare 73 31020 San Vendemiano TV
Sede Operativa: Via Monti 9 36075 Montecchio Maggiore VI


-----
Tutte le informazioni sul sito www.iveneti.org e in particolare per la stampa è possibile scaricare le cartelle stampa all’indirizzo http://www.iveneti.org/press


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl