Disastro ambientale prossimo venturo di "La Selva": Comunicato Stampa Fed. Fiamma Tricolore Castelli Romani e Monti Prenestini

26/ott/2007 12.49.00 Fiamma Tricolore Castelli Romani - Roma Sud Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Carletti:"La definitiva pietra tombale ambientale sulla Valle del Sacco"
Iannone:"E' l'esportazione del veltroniano modello Roma su scala regionale" 
 
"La vicenda relativa all'area de "La Selva" di Paliano, è l'ennesima dimostrazione di quanto questa giunta regionale, capitanata da un presentatore televisivo" - dichiara Massimo Carletti della federazione Fiamma Tricolore Castelli Romani e Monti Prenestini - "abbia a cuore le problematiche territoriali della regione". La Selva di Paliano è un'area di circa 450 ettari, nel comune di Paliano, in provincia di Frosinone. Una zona di aree umide e boschive e di sosta per l'avifauna; è inoltre completamente priva di vincoli ambientali e successivamente al fallimento del proprietario, il 31 ottobre verrà posta all'asta suddivisa in 31 lotti. "Il piano regolatore del comune di Paliano, retto da una giunta di centrosinistra con a sindaco il DS "Lello" Giordani, consente su tale area la realizzazione di strutture alberghiere e commerciali, ed a tal fine proprio il comune ha deliberato nei giorni scorsi, la costituzione di una società di trasformazione urbana, per meglio sfruttare la ghiotta occasione" - continua Carletti - "Si vuol evidentemente entrare nel gran giro finanziario-edilizio che ruota attorno alla Valle del Sacco e al polo turistico-commerciale di Valmontone, distante pochi chilometri dalla zona interessata. In tal modo viene definitivamente posta una pietra tombale sulla Valle del Sacco, che già soffre uno dei più gravi disastri ambientali d'Italia". Sulla vicenda, che investe l'intera regione interviene Gianluca Iannone, membro della segreteria nazionale della Fiamma Tricolore: "E' il modello Roma che piace tanto al sindaco a tempo perso Walter Veltroni. Quel modello che ha sommerso le periferie di Roma con tonnellate di metri cubi di cemento per la gioia dei noti e soliti speculatori, mentre decine di migliaia di famiglie romane aspettano da ormai troppo tempo quell'intervento che possa definitivamente risolvere le problematiche abitative: la legge sul Mutuo Sociale. Obbediente ora, ed in linea evidentemente con la concezione ambientale del nascente PD, il fido Marrazzo esporta l'assurdo modello a tutta la regione, assistendo inerte all'ennesimo scempio ambientale perpetrato in tempi di centrosinistra". In conclusione Carletti torna a ribadire come "L'area della Selva, negli ultimi decenni, ha rappresentato per non poche generazioni di giovani e studenti di Roma e Provincia l'unica possibilità di poter vedere ed ammirare la natura nella sua vera dimensione; ai giovani d'oggi ciò non sarà consentito. Ci auguriamo che un'intervento delle istituzioni competenti possa fermare tale scempio, e che come da richiesta di Legambiente, l'intera area venga elevata a Monumento Naturale Regionale".
  
Federazione Fiamma Tricolore 
Castelli Romani - Monti Prenestini
fiammatricolore@gmail.com
2007-10-26
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl