Segni e Scognamiglio: d'accordo sull'aumento delle ore lavorative

Allegati

30/mar/2004 18.27.03 Ufficio stampa Partito dei liberaldemocratici Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 

 

COMUNICATO STAMPA 

 

Segni e Scognamiglio: d’accordo sull’aumento delle ore lavorative

 

“Questa volta Berlusconi ha ragione, e bisogna dargliela. Occorre lavorare di più. Questa è una delle condizione per la ripresa. Il divario tra la produttività europea e quella degli Usa determina un carico fiscale molto più alto per gli europei. E’ c’è alla base un forte differenziale di ore lavorative: in Europa le ore lavorative annualmente sono circa 1600, negli Usa sono 1900.” Dichiarono Mario Segni e Carlo Scognamiglio, segretario e presidente del Patto dei liberaldemocratici.

“Aumentare le ore lavorative e quindi la produttività è necessario per aumentare il reddito e ridurre la pressione fiscale. Questo governo ha molto colpe, anche nella gestione dell’economia e noi lo diciamo tutti i giorni senza asprezza, ma senza peli sulla lingua. Ma con altrettanta franchezza diciamo che sull’aumento delle ore di lavoro siamo d’accordo. Che poi questo debba avvenire abolendo alcuni ponti o in altro modo è tutto da vedere. Ma non possiamo pretendere di rimanere ricchi, pagare meno imposte e lavorare di meno.”

 

 

Roma, 30 marzo 2004

 

 

Ufficio stampa

Katya Camponeschi

Tel 06/6786240

Cell. 3475539583

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl