SEGNI, CHIUDIAMO "PORTA A PORTA" PER LE ELEZIONI, E' UNA TRASMISSIONE DI GOVERNO

Allegati

05/apr/2004 17.17.42 Ufficio stampa Partito dei liberaldemocratici Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

COMUNICATO STAMPA 

SEGNI, CHIUDIAMO “PORTA A PORTA” PER LE ELEZIONI,

E’ UNA TRASMISSIONE DI GOVERNO

 

“E’ democratico un paese in cui metà dell’informazione televisiva è di proprietà del Presidente del Consiglio? No, non ci stancheremo mai di ripeterlo. E’ democratico un paese in cui l’altra metà dell’informazione televisiva, è condizionabile dal governo? E un paese in cui, la più importante trasmissione politica è di fatto una trasmissione di governo? No, meno che mai. Parlo, come avete capito, di “Porta a porta”. Intendiamoci, non voglio affatto dire che “Porta a porta” sia una trasmissione berlusconiana, ma è una trasmissione di governo, o forse dei potenti. “

Lo afferma il segretario dei Liberaldemocratici, Mario Segni, nell’editoriale del quotidiano “il Patto” sul numero di  domani martedì.

Segni pone la domanda a Bruno Vespa: “Perché “Porta a porta” accetta che il Presidente del Consiglio vada in televisione senza contraddittori politici, sottostando a una assurda pretesa che in alti paesi sarebbe inammissibile? Come risponderebbe se la stessa pretesa venisse da un altro leader politico?”

E a Claudio Petruccioli: ”E’ ammissibile che l’informazione politica venga affidata alla assoluta discrezionalità di una sola trasmissione,  di un solo conduttore?”

Conclude Segni domandando se è accettabile fare una campagna elettorale in questa situazione e se non è il caso di chiudere “Porta a porta”, almeno durante la campagna elettorale.

 

Roma, 5 aprile 2004

 

Ufficio stampa

Katya Camponeschi

Tel 06/6786240

Cell. 3475539583

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl