IRAQ: SEGNI, I MODERATI ARABI EUROPEI DAL PAPA

Allegati

22/apr/2004 20.28.12 Ufficio stampa Partito dei liberaldemocratici Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Comunicato stampa

 

IRAQ: SEGNI, I MODERATI ARABI EUROPEI DAL PAPA

 

“Molti in occidente vorrebbero uno scontro  frontale con l’Islam, sarebbe un drammatico errore che regalerebbe un milione di musulmani a Bin Laden. L’iniziativa di oggi lancia un messaggio: esistono milioni di arabi che vogliono la pace, che sono moderati come noi ed è con loro che dobbiamo costruire la pace. A questi moderati noi diciamo grazie. Oggi anche  il nostro presidente della Repubblica Ciampi ha invitato a riprendere un dialogo costruttivo con i Paesi arabi e islamici. ” Dichiara Mario Segni, segretario del Patto liberademocratici, nel corso della conferenza stampa che si è svolta oggi in merito alla marcia che il Patto terrà questa sera contro il terrorismo insieme ai Moderati arabi europei dalla Moschea di Roma fino al Vaticano.

“Il ritiro oggi aggiungerebbe errore a errore, bisogna fare ogni sforzo per evitare che il tutto si concluda con una devastante vittoria del fondamentalismo islamico. Lo dico io che fui  contrario alla guerra in Iraq. L’azione militare può aver successo - ha aggiunto Segni - se è accompagnata da un piano per stabilizzare l’intera regione isolando l’estremismo e rafforzando gli elementi moderati. Ma per questo occorre puntare rapidamente alla creazione di uno stato palestinese; occorre riprendere l’idea di un piano Marshall per il Medio Oriente.  Il problema è far cambiare linea agli Usa.”

Nella lettera che Mario Segni ha questa mattina consegnato al Papa scrive: “un’Organizzazione di Arabi moderati ha recentemente assunto un’iniziativa che ci è sembrata meritevole di attenzione e degna di essere sostenuta. Quest’Associazione prende oggi pubblicamente posizione contro il terrorismo e intende esprimerLe la propria gratitudine per ciò che Lei ha fatto in difesa della pace e per le famiglie delle vittime. Abbiamo ritenuto opportuno appoggiare questa utile iniziativa e accompagnare i dirigenti dell’Associazione degli arabi moderati in questo percorso.”

 “Un milione di musulmani in Italia dicono no al terrorismo di Bin Laden. Alla manifestazione ci sarà una ampia delegazione dell’associazione del Mae di cui fanno parte moderati, laici e progressisti. Noi come associazione - dichiara Khader Basem vogliamo favorire la convivenza tra i diversi popoli europei e in special modo l’integrazione al meglio delle differenti culture araba ed europea.

Conclude Stefano Pedica, vicesegretario del Patto, rinnovando l’appuntamento alle ore 19.30 davanti alla Moschea di Roma per proseguire fino al Vaticano e invitando a partecipare tutte quelle persone che si sentono vicine alle famiglie dei rapiti   ma al tempo stesso sono contro il terrorismo nel mondo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Roma, 22 aprile 2004

 

Ufficio stampa -  Katya Camponeschi -  Tel. 06 6786240 -  Cell. 347 5539583
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl