COMUNICATO STAMPA REFERENDUM FECONDAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA

Legge sulla fecondazione medicalmente assistita e l'abrogazione della

Allegati

02/set/2004 17.03.28 CILAnazionale Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 

 

C

I

L

A

                 

 
Casella di testo:

“a tutela della piccola impresa”

 

 


C.I.L.A. Confederazione Italiana Lavoratori Artigiani

Via Baccina, 62 - 00184 Roma

UFFICIO COMUNICAZIONE- Monica Giovannoni

tel  06.6792701- 3384352081  fax  06.6797661 comunicazione@cilanazionale.org

 
    COMUNICATO STAMPA

                                                                                          __________________________________

 

 

La CILA sostiene il referendum per l’abrogazione della Legge sulla fecondazione medicalmente assistita e l’abrogazione della carcerazione preventiva.

 

Il presidente della CILA nazionale, Antonino Gasparo, è intervenuto sul tema del referendum per l’abrogazione  della legge sulla fecondazione medicalmente assistita e sulla coalizione proreferendum con il seguente comunicato:

 

“La Cila, confederazione sindacale dei lavoratori artigiani, forte di 28mila imprese capillarizzate in 15 regioni e 50 province, sente il dovere etico e morale di intervenire sul tema del referendum per l’abrogazione  della legge sulla fecondazione medicalmente assistita.

Abbiamo avviato la raccolta delle firme già dal mese di Luglio presso le Ns sedi mettendo a disposizione spazi sul Ns sito www.cilanazionale.org e organizzando tavoli in diverse città d’Italia.

Questo impegno è dettato dal chiaro spirito laico e libero che contraddistingue artigiani e piccoli imprenditori che rigettano una legge che approfondisce il solco tra i diversi ceti sociali, mettendo i meno abbienti nell’impossibilità sostanziale di usufruire delle tecnologie mediche più avanzate per facilitare le nascite; una legge che è un’ insopportabile limitazione delle libertà individuali femminili e che non ha esempi così restrittivi in Europa.,,

Al tempo stesso la Cila, unitamente a diversi esponenti del NPSI romano, trova  inconcepibile che questo fronte laico, chiedendo il sostegno di Di Pietro e del suo movimento populista, dia una patente di liberale all’ex magistrato il cui operato, professionale e politico, è quanto meno discutibile.

“Sempre più chiaro- afferma Antonino Gasparo- appare oggi il disastro che si è abbattuto sugli italiani per le conseguenze politiche dell’operazione giudiziaria Mani Pulite, mentre si riavvicinano i fronti radicale e socialista, la Cila lancia un appello agli uni e agli altri di non cercare il sostegno dei liberticidi e dei giustizialisti sommari, il cui operato inficia il senso di questa battaglia. Un conto è difendere i diritti e lo Stato laico, un altro è partecipare ad una mera operazione antigovernativa.” La Cila ed il Npsi romano appoggiano la  battaglia di Pannella per condizioni carcerarie più umane e contro la carcerazione preventiva la cui abolizione porterebbe a risultati concreti contro il super affollamento delle carceri italiane ..

 

                                                                                            Roma 2 Settembre, 2004

 

 

 

 

 

 

 

Monica Giovannoni
Responsabile Comunicazione e Progetti speciali C.I.L.A.

Via S. Agata de' Goti, 3

00184 - ROMA
comunicazione@cilanazionale.org
tel: (+039) 06.67.92.701
www.cilanazionale.org
www.ispanazionale.org

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl