Miscellanea, sanità e non solo del 6 marzo 2005

07/mar/2005 03.10.39 Luigi Sedita Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

“…veramente la scoperta che c’è un’Italia berlusconiana mi colpisce molto: è la peggiore delle Italie che io ho mai visto, e dire che di Italie brutte nella mia lunga vita ne ho viste moltissime. Però la volgarità, la bassezza di quest’Italia qui non l’avevo vista né sentita mai.

Il berlusconismo è veramente la feccia che risale il pozzo …” Indro Montanelli 26 marzo 2001

 

Anatole France                                                      
la majestueuse égalité des lois interdit aux riches comme aux pauvres de coucher sous les ponts

la legge, nella sua maestosa equanimità, proibisce sia ai ricchi che ai poveri di dormire sotto i ponti

 

Si dice che il denaro non è tutto nella vita. Si parla sicuramente del denaro degli altri. - Sacha Guitry

 

4 marzo 2005 - Torna lo spettro delle armi chimiche in Iraq, ma ad utilizzarle pare siano stati gli americani.

Oltre due mesi dopo il sanguinoso assalto contro Falluja, un esperto del ministero della sanità iracheno ha accusato le forze americane di aver impiegato armi chimiche, in particolare gas mostarda e gas nervini, nella roccaforte della guerriglia sunnita. «La nostra inchiesta ha dimostrato che le forze americane hanno impiegato sostanze proibite dalle convenzioni intrenazionali», ha denunciato in una conferenza stampa presso il ministero a Baghdad il dottor Khalid Al Sheikhli, che ha il compito di valutare le condizioni di salute degli abitanti di Falluja.
Le dichiarazioni dell'esperto, che ha guidato sopralluoghi di una equipe di medici nella città ad Ovest di Baghdad, sono state riferite dal sito internet della televisione satellitare qatariota Al Jazira. Secondo il dottor Sheikhli, i militari americani hanno lanciato su Falluja gas mostarda, gas nervino e altre sostanze chimiche nocive. «Nella città sono ancora evidenti gli effetti di queste sostanze chimiche e di altri tipi di armi, che nel tempo provocheranno gravi malattie», ha sottolineato. A una domanda sull'eventuale uso limitato anche di armi nucleari, il medico ha risposto: «Quello che ho visto a Falluja mi induce a credere tutto quanto è stato detto riguardo a quella battaglia. Non escludo assolutamente che siano state impiegate sostanze nucleari e chimiche, dato che tutte le forme di vita naturale sono state spazzate via».

Articolo n. 10138 postato il 05-mar-2005 07:26 ECT - :: L'indirizzo di questa pagina è : www.uruknet.info?p=10138 - :: L'indirizzo di quest'articolo è :    www.corriere.com/viewstory.php?storyid=37063

 

1

L’isola   FERDINANDEA

2

Pazienti dimessi senza farmaci - Un'inadempienza quella degli ospedali che fa lievitare la spesa per i medicinali e le analisi - In Toscana invece i pazienti alla dimissione possono ritirare nelle farmacie ospedaliere i farmaci prescritti !

3

Medicina di Famiglia - Unità di cure primarie, riducono i ricoveri del 10%

4

Concussione: arrestato primario cardiochirurgia a Catania - “Euro in beneficenza” per evitare le liste di attesa e per avere la certezza di essere operati dal professore. “Se lei intende essere operato da me deve pagare 12mila euro alla asl, ma posso farla risparmiare…

5

Cerotto e pillola a confronto - Studiando il reale rapporto costo-efficacia di queste due metodiche contraccettive, l'uso del cerotto risulta più conveniente

6

Le acque “minerali” messe fuori commercio

7

Cina / In vent'anni la Cina potrebbe superare gli Usa quale primo Paese inquinatore - Usa / Class Action piu' ristretta - Germania / Un'autostrada all'idrogeno attraverso la Germania -

8

Innovazione medica e cure: fare come con il trattato di Kyoto sull'ambiente

9

Spagna/ In cinque anni il numero delle persone favorevoli a legalizzare l'hashish e' raddoppiato - Germania/ Privacy: l'impronta digitale genetica non puo' essere equiparata alla semplice impronta digitale - Francia/ Il feto non esiste per il diritto penale

10

Pericolo sanitario da uranio impoverito, il Governo e lo Stato Maggiore sapevano - Nel maggio del 2000 un documento allertava sui rischi per i soldati italiani in Kosovo

11

Le riviste scientifiche in conflitto di interesse con le aziende

12

Le democrazie operano e sopravvivono in base al rapporto fra giustizia e politica proiettato nella divisione dei poteri.

13

Due euro austriaci: omaggio a Bertha von Suttner premio Nobel per la pace del 1905

14

Viabilita': Codacons propone strada senza segnaletica a Catania

15

Operati al cuore per truffare l'ASL

16

Chi esercita senza titolo paga i danni ai pazienti

17

Polveri sottili e inquinamento, le proposte dell’ADUC

18

Sanita', le proposte dei DS

19

Un Paese che vuole essere competitivo, non si puo' permettere di lasciare per 39 mesi senza contratto i medici che si impegnano nella sanita' pubblica''. E per fortuna che i ministri della Funzione pubblica Baccini e della Salute Sirchia stanno con i medici !!!

20

Il pesce aiuta a ridurre il rischio di ictus

21

Contro chi Tradisce lo Stato di Mario Luzi - Il discorso che avrebbe dovuto pronunciare in Senato dopo la nomina a senatore a vita.

22

Referendum tra teologia e politica - La vita umana di G. Sartori

23

Buttiglione risponde a Sartori: «Per condannare a morte un embrione è necessario essere proprio sicuri che non sia umano»        

24

Embrione, fede, ragione - C’è vita e vita di G. Sartori

25

Quando le facce sono di bronzo … Fini e Mani Pulite

26

Sanità americana: sei ore per quattro punti - Con l'«industria della salute» bisogna stare attenti. La sanità è l' unico campo in cui l'introduzione della logica di mercato ha avuto, in America, risultati fallimentari: anziché la concorrenza, ha aumentato burocrazia e spesa. - Dieci pillole di Ciproxin 250, uno degli antibiotici più diffusi, in Italia costano 18 euro. In America vengono vendute a circa 70 dollari, 55 euro. Per una confezione di Bactrim (un banale sulfamidico che da noi costa 3,5 euro) ci vogliono almeno 15-20 dollari.

27

Il Giorno delle Amnesiadi - … L’unico luogo che, miracolosamente, gli cancella dalla mente il comunismo è la Russia: mai che denunci davanti all’amico Putin i delitti di Stalin, le stragi dell’Armata Rossa, le porcherie del Kgb, la miseria, il terrore e la morte seminati dal Pcus. Gli tornano tutti alla mente, di botto, non appena atterra in Italia e pensa a Prodi.

28

Prendetelo, è incensurato! - Ogni volta che lo portano via, Ricca si meraviglia. Se il premier, al seggio, comizia contro i comunisti calpestando la legge, perché la polizia porta via lui, che è incensurato? E se il premier commemora un latitante alla presenza di noti condannati come De Michelis e Tognoli, perché la polizia trascina via lui, che è incensurato?

29

Cattocomunisti d'America - … Una vera maledizione, questa «cultura giuridica tuttora influenzata dal marxismo e dal cattolicesimo sociale». Ma certo, come no. Resta da spiegare come mai negli Stati Uniti protestanti, dove non si vede un comunista da qualche secolo, per incastrare Al Capone sia bastata una frode fiscale, con annessa condanna a 20 anni. In Italia, per molto peggio, si diventa presidenti del Consiglio. - Nell’Italia cattocomunista che odia i capitalisti, chi ruba miliardi dalle casse della sua azienda commette appropriazione indebita, non può essere arrestato e rischia una pena massima di 4 anni. Chi ruba alla collettività intascando mazzette rischia fino a 8 anni. Chi invece ruba tre biciclette rischia fino a 30 anni.

30

Boccuccia di rosa - 1996 «In caso di mancato conseguimento del 4% sul piano nazionale da parte della Lista Pannella-Sgarbi, un contributo a titolo di rimborso delle spese elettorali pari a lire 1 miliardo e 200 milioni, metà delle quali da anticipare prima della data dello svolgimento delle elezioni, nonchè annualmente la somma di 1 miliardo e 800 milioni».

31

Formigoil - … «È un complotto della Cia». Forse perché la campagna contro Oil For Food è un chiodo fisso del Foglio di Giuliano Ferrara, che della Cia era informatore a libro paga. E Ferrara, si sa, è molto intelligente. …

32

Piange il telefono - Quattro mesi fa il presidente della Camera Casini telefona a Giulio Andreotti, appena riconosciuto dalla Cassazione definitivamente responsabile di associazione per delinquere con la mafia fino al 1980 (reato prescritto) per esternargli tutta la sua amicizia e stima. Due mesi fa Casini telefona a Dell'Utri mentre i giudici sono in camera di consiglio per assicurargli la sua amicizia e stima. Due giorni fa Casini telefona a Formigoni mentre i giudici indagano sui traffici di petrolio fra il suo entourage e Saddam, per garantirgli la sua amicizia e stima. Possibile che la terza carica dello Stato non trovi nessun altro a cui telefonare?

33

Todos zapateros - : il fatto che in Spagna un socialista non prenda soldi da Berlusconi e addirittura non rubi, è motivo di comprensibile allarme per tutto il gruppo Mediaset. Se a ciò si aggiunge che il golpista ha varato un codice etico per politici e pubblici funzionari che, in Italia, svuoterebbe il Parlamento, e ha persino osato mantenere le promesse fatte in campagna elettorale, il quadro del colpo di Stato è completo.

34

Se non assolvono non li vogliamo - Ricapitolando. Quando Ingroia chiede di condannare Dell'Utri, il giudice terzo deve dargli torto e assolvere (altrimenti, per dirla con Mantovano, è come «i nazisti in fuga»). Quando Ingroia chiede di assolvere Mori, il giudice terzo deve dargli ragione e assolvere. Così, a Milano, il pm Armando Spataro è un orrendo giustizialista finchè si oppone alle controriforme del governo, ma se chiede la condanna di tre marocchini per terrorismo, la giudice Forleo deve dargli ragione e condannarli anche se non è d'accordo. A quel punto Spataro ricorre in appello contro l'assoluzione, come fecero i pm di Palermo contro quella di Andreotti. Ma quelli di Palermo furono accusati di «accanimento» dagli stessi che ora applaudono l'appello di Spataro. Strano: non era Berlusconi che, in caso di assoluzione, voleva abolire l'appello del pm?

35

Liberi di obbedire - Se la Rai desse ancora le notizie, avrebbe mostrato la cerimonia di chiusura dell'ultimo tratto dell'autostrada Messina-Palermo, inaugurato in pompa magna …

36

Namir intervista Francesco Paola Presidente dei Democratici Solidali Liberali

37

L’errore strategico dell’Italia a tempo determinato di G.M. Fara pres. Eurispes

Il lavoratore a tempo determinato è quasi una metafora del nostro Paese, schiacciato sul presente, incapace di proiettarsi nel futuro e di prolungare lo sguardo oltre l’arrangiarsi giornaliero. Il Paese dei lavoratori a progetto è, paradossalmente, un Paese senza un progetto, incagliato nel quotidiano e incapace di lanciare il cuore oltre l’ostacolo

38

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl