Zaia vieta l’inno d’Italia a Treviso, il duro attacco di Soldà

14/giu/2010 14.22.34 Italia dei Diritti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA

 

 

Zaia vieta l’inno d’Italia a Treviso, il duro attacco di Soldà

 

Il vicepresidente dell’Italia dei Diritti: “Voglio pensare che sia stata solo l’ennesima bravata di un leghista, ma anche qualora fosse così ne sono state sottovalutate portata e conseguenze”

 

 

Roma, 14 giugno 2010 �“ “Voglio sperare che sia stato un mero errore materiale, ma se cosi non fosse sarebbe un fatto di una gravità inaudita”.  Queste le parole di Roberto Soldà, vicepresidente dell’Italia dei Diritti, in merito alla querelle di cui è stato protagonista il presidente della Regione Veneto Luca Zaia sabato mattina, reo, stando a quanto riportato dal quotidiano “La tribuna di Treviso”, di aver cancellato, durante l’inaugurazione di una scuola, l’esecuzione dell’inno nazionale per far posto al “Va’ pensiero” di Verdi. “Se tutto ciò fosse vero �“ incalza Soldà �“ sarebbe un insulto all’unità italiana e meriterebbe lo sdegno di tutta la nazione. Voglio pensare che sia stata solo l’ennesima bravata di un leghista �“ conclude il rappresentante del movimento presieduto da Antonello De Pierro �“, ma anche qualora fosse così ne sono state sottovalutate portata e conseguenze”.  

 

 

 

 

 

Ufficio Stampa Italia dei Diritti

Addetti Stampa

Fabrizio Battisti �“ Nicoletta Zucchi

Capo Ufficio Stampa

Fabio Bucciarelli

Via Virginia Agnelli, 89 �“ 00151 Roma

Tel. 06-97606564; cell. 347-7463784

e-mail: italiadeidiritti@yahoo.it

sito web www.italiadeidiritti.it


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl