Per la Corte dei Conti le Province costano troppo, interviene Guazzi

Per la Corte dei Conti le Province costano troppo, interviene Guazzi COMUNICATO STAMPA Per la Corte dei Conti le Province costano troppo, interviene Guazzi Il viceresponsabile per la Pubblica Amministrazione dell'Italia dei Diritti: "I dati desunti dal rendiconto annuale dell'organo dello Stato, sembrano un ottimo spunto per ridefinire al meglio la logica delle competenze".

25/giu/2010 17.38.44 Italia dei Diritti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


COMUNICATO STAMPA

 

Per la Corte dei Conti le Province costano troppo, interviene Guazzi

 

Il viceresponsabile per la Pubblica Amministrazione dell’Italia dei Diritti: “I dati desunti dal rendiconto annuale dell’organo dello Stato, sembrano un ottimo spunto per ridefinire al meglio la logica delle competenze.”

 

Roma, 25 giugno 2010 �“ “Mi sembra assurdo pensare che da anni le relazioni di questo indispensabile strumento di controllo statale, vengano continuamente sottovalutate. Non è la prima volta che la Corte dei Conti lancia l’allarme sulle spese sproporzionate sostenute dalla nostre amministrazioni locali. Deduco che trasversalmente, dalla destra alla sinistra, poco piace l’operato di questo organo perché viene dettagliatamente evidenziato lo sperpero consumato ai nostri danni”.  Con queste parole il viceresponsabile per la Pubblica Amministrazione dell’Italia dei Diritti, Andrea Guazzi, commenta la dichiarazione rilasciata in questi giorni dal procuratore generale alla Corte dei Conti, Mario Ristuccia, relativamente ai dati desunti dal rendiconto generale dello Stato, sul costo sostenuto dai cittadini per mantenere l’apparato burocratico delle Province. Tra i vari dati denunciati risulta che l’italiano spenda per gli enti locali provinciali circa 43 euro pro-capite e, nella regione Calabria, la cifra salga addirittura a 83,5 euro.

L’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro sostiene che l’indagine evidenziata da Ristuccia, si propone all’interno di un recente progetto sulla possibile eliminazione dell’apparato provinciale: “Il cittadino che vuole avere un ausilio dalla istituzioni si rivolge senza alcun dubbio al proprio Comune di appartenenza. La riforma del titolo V della Costituzione ha ampiamente ripagato le Regioni con maggiori competenze. Pertanto mi appare poco chiaro come l’attività delle Province possa rientrare in questo quadro organizzativo. Spesso nelle stesse amministrazioni locali ci troviamo di fronte ad episodi di clientelismo, di scarsa trasparenza, di inspiegabili assunzioni di spese. Ma che ruolo hanno le Province? Cosa può legittimare la loro esistenza? I dati desunti dal rendiconto annuale della Corte dei Conti �“ conclude Guazzi �“ mi sembrano un ottimo spunto per ridefinire al meglio la logica delle competenze.”

 

Ufficio Stampa Italia dei Diritti

Addetti Stampa

Valentina Zavarella �“ Aurelio Flocco

Capo Ufficio Stampa

Fabio Bucciarelli       

Via Virginia Agnelli, 89 �“ 00151 Roma

Tel. 06-97606564; cell. 347-7463784

e-mail: italiadeidiritti@yahoo.it

sito web www.italiadeidiritti.it



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl