Gelmini annuncia non assunzione per 200000 precari. La relazione della Martino

La relazione della Martino La Responsabile Scuola e Istruzione dell'Italia dei Diritti: "E' una manovra inaccettabile e inefficace" Roma, 3 settembre 2010 _" Nella conferenza stampa di ieri il Ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini ha dichiarato che la Scuola non riuscirà ad assorbire i duecentomila precari attuali, gelando così le speranze dei supplenti che nei giorni scorsi si sono resi protagonisti di manifestazioni a Roma, di fronte al Ministero e in tutta Italia presso le Prefetture.

03/set/2010 17.04.07 Italia dei Diritti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


COMUNICATO STAMPA

 

 

 Gelmini annuncia non assunzione per 200000 precari. La relazione della Martino

 

La Responsabile Scuola e Istruzione dell’Italia dei Diritti: “E’ una manovra inaccettabile e inefficace”

 

 

Roma, 3 settembre 2010 �“  Nella conferenza stampa di ieri il Ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini ha dichiarato che la Scuola non riuscirà ad assorbire i duecentomila precari attuali, gelando così le speranze dei supplenti che nei giorni scorsi si sono resi protagonisti di manifestazioni a Roma, di fronte al Ministero e in tutta Italia presso le Prefetture. Aggiunge inoltre la Gelmini che questi esuberi sono causa delle scellerate politiche sull’assunzione ereditate dalle precedenti Gestioni, e non dal Governo in carica.

 

“Tutto ciò è inaccettabile �“ tuona Annalisa Martino Responsabile per la Scuola e l’Istruzione dell’Italia dei Diritti �“ i precari in lista d’attesa sono stati previsti perché ce n’è realmente necessità. Bisogna ricordare che non sono stati assunti per beneficenza in quanto sono vincitori di concorso pubblico oppure hanno frequentato l’ormai abolita SSISS”.

 

Un invito viene lanciato dall’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro a ponderare con attenzione il problema di un’informazione televisiva univoca che lancia i comunicati ministeriali come diktat senza garantire un onesto contradditorio con l’opposizione e le  categorie sociali interessate. Non esente da colpe, sarebbe, inoltre inteso, il comportamento latitante dei sindacati.

 

“Il problema della non assunzione di precari comporta �“ aggiunge la Martino �“ una cattiva distribuzione del monte ore assegnato alle principali materie di studio, pur di non assumere un’unità docente in più, causando nella continuità didattica evidenti interruzioni.”

 

“La scuola deve, nella sua missione sociale fondamentale, garantire il rispetto dei principi costituzionali di efficacia e meritocrazia, cosa che con l’attuale Esecutivo non abbiamo e non avremo”.

 

 

 

 

 

Ufficio Stampa Italia dei Diritti

Addetti Stampa

Aurelio Flocco

Capo ufficio stampa

Fabio Bucciarelli          

Via Virginia Agnelli, 89 �“ 00151 Roma

Tel. 06-97606564; cell. 347-7463784

e-mail: italiadeidiritti@yahoo.it

sito web www.italymedia.it/italiadeidiritti



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl