Sakineh condannata all’impiccagione, dura r eazione della Lusi

Sakineh condannata all'impiccagione, dura r eazione della Lusi COMUNICATO STAMPA Sakineh condannata all'impiccagione, dura reazione della Lusi La responsabile per le Pari Opportunità dell'Italia dei Diritti: "Sono diversi i paesi in cui il rispetto delle donne non viene al primo posto, è doveroso un intervento più incisivo e immediato da parte dell'Onu e di tutta la società civile" Roma, 28 settembre 2010 _" A nulla sono valsi gli appelli provenienti dal mondo occidentale e dall'Italia: Sakineh Mohammadi Ashtani, la donna iraniana accusata di adulterio e di complicità nell'omicidio del marito sarà giustiziata con impiccagione.

28/set/2010 17.11.39 Italia dei Diritti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.



COMUNICATO STAMPA

 

Sakineh condannata all’impiccagione, dura reazione della Lusi

 

La responsabile per le Pari Opportunità dell’Italia dei Diritti: “Sono diversi i paesi in cui il rispetto delle donne non viene al primo posto, è doveroso un intervento più incisivo e immediato  da parte dell’Onu e di tutta la società civile

 

Roma, 28 settembre 2010 �“ A nulla sono valsi gli appelli provenienti dal mondo occidentale e dall’Italia: Sakineh Mohammadi Ashtani, la donna iraniana accusata di adulterio e di complicità nell’omicidio del marito sarà giustiziata con impiccagione. Ad annunciarlo il  procuratore generale dell’Iran, Gholam-Hossein Mohseni-Ejei, il quale afferma che la donna è stata condannata per il secondo dei due capi d’imputazione e pertanto la morte non avverrà più per lapidazione, punizione prevista dalla legge islamica.

Immediata la reazione della responsabile per le Pari Opportunità dell’Italia dei Diritti, Patrizia Lusi: “La condanna a morte di Sakineh è solo l'emblema di un sistema giudiziario, quello iraniano, che parte da una discriminazione di fondo tra i generi. La comunità internazionale non può rimanere impassibile di fronte a processi sommari celebrati contro le persone di sesso femminile per le quali sono individuati dei reati specifici diversi da quelli attribuiti a quelle di sesso maschile. L'intervento della comunità internazionale deve essere rivolto nei confronti di tutti i paesi che applicano ancora la pena di morte e lo stesso presidente degli Stati Uniti d'America, che è stato insignito del premio Nobel della Pace, dovrebbe intervenire con forza per evitare tale violenza ai diritti umani”. 

L’esponente del movimento guidato da Antonello De Pierro continua nel suo ragionamento e afferma: “La palese discriminazione che in Iran colpisce le donne, e le vede protagoniste di pene simbolicamente disumane, spinge tutto il mondo occidentale a chiedere a questo Stato e al suo presidente di iniziare un serio processo di rigenerazione culturale. Ma questo non vale solo per l’Iran. È di questi ultimi giorni infatti, un video girato da un cellulare e diffuso in tutto il mondo, che riprende l'esecuzione di una sentenza di condanna a morte per lapidazione nei confronti di una donna pakistana accusata di aver semplicemente ‘parlato’ con un uomo. Sono diversi i paesi in cui il rispetto delle donne non viene al primo posto �“ conclude la Lusi �“, è doveroso un intervento più incisivo e immediato da parte dell’Onu e di tutta la società civile alla quale apparteniamo”.

 

 

 

Ufficio Stampa Italia dei Diritti

Addetti Stampa

Valentina Zavarella �“ Silvestro Bellobono

Capo Ufficio Stampa

Fabio Bucciarelli       

Via Virginia Agnelli, 89 �“ 00151 Roma

Tel. 06-97606564; cell. 347-7463784

e-mail: italiadeidiritti@yahoo.it

sito web www.italiadeidiritti.it

 

 



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl