Protesta degli operai blocca strade di Cagliari, l’opinione di Gandolfi

Protesta degli operai blocca strade di Cagliari, l'opinione di Gandolfi COMUNICATO STAMPA Protesta degli operai blocca strade di Cagliari, l'opinione di Gandolfi Il responsabile per la Sardegna dell'Italia dei Diritti: "Per uscire da questo malcontento è necessario prediligere una reazione continua, non violenta, energica e mirata verso il potere esecutivo" Cagliari, 13 ottobre 2010 _" "La mia potrebbe essere una dichiarazione fotocopia valida da mesi, e forse anche per il futuro, vista l'esasperazione prolungata dei lavoratori sardi, autori di questa ennesima protesta".

13/ott/2010 17.38.16 Italia dei Diritti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


COMUNICATO STAMPA

 

Protesta degli operai blocca strade di Cagliari, l’opinione di Gandolfi

 

Il responsabile per la Sardegna dell’Italia dei Diritti: “Per uscire da questo malcontento è necessario prediligere una reazione continua, non violenta, energica e mirata verso il potere esecutivo”

 

Cagliari, 13 ottobre 2010 �“ “La mia potrebbe essere una dichiarazione fotocopia valida da mesi, e forse anche per il futuro, vista l'esasperazione prolungata dei lavoratori sardi, autori di questa ennesima protesta”. Con queste parole il responsabile per la Sardegna dell’Italia dei Diritti, Federico Gandolfi, esprime le sue riflessioni relativamente all’agitazione messa in atto ieri a Cagliari dagli operai dell'Eurallumina e della Rockwool, rimasti senza lavoro a causa della chiusura delle due aziende sarde. I lavoratori, che hanno manifestato davanti al palazzo del Consiglio regionale e hanno bloccato alcune strade della città, tra le quali la SS 131 Carlo Felice, chiedono finalmente che si rompa il muro di silenzio costruito intorno alla possibile riapertura delle fabbriche.

 

“La mancanza di chiarezza sul futuro industriale dell'area, sulle forniture energetiche e sulle politiche economiche da parte di Governo e Giunta regionale sta sfociando �“ afferma perentorio Gandolfi �“ in una serie di scioperi e di occupazioni oramai senza soluzione di continuità. I lavoratori pensano di non poter più ottenere visibilità e ascolto se non occupando centri nevralgici per il trasporto nell'isola, entrando spesso in conflitto con i tanti pendolari e con le aziende che a loro volta si sentono danneggiati dal malcontento. Per uscire da tutto questo si devono scongiurare lotte fra poveri e dipendenti di settori diversi �“ afferma in conclusione il responsabile del movimento guidato da Antonello De Pierro �“ e prediligere una protesta continua, non violenta, energica e mirata verso il potere esecutivo, rappresentato oggi dagli esponenti di centrodestra presso il governo regionale e nazionale”.

 

Ufficio Stampa Italia dei Diritti

Addetti Stampa

Valentina Zavarella �“ Silvestro Bellobono

Capo Ufficio Stampa

Fabio Bucciarelli       

Via Virginia Agnelli, 89 �“ 00151 Roma

Tel. 06-97606564; cell. 347-7463784

e-mail: italiadeidiritti@yahoo.it

sito web www.italiadeidiritti.it

 



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl