4 novembre, non festa ma lutto

Quello che segue è il testo di una volantino (telematico e cartaceo) che il Movimento Nonviolento, Beati Costruttori di Pace e Peacelink, diffondono in tutta Italia in occasione della "festa delle forze armate".

03/nov/2010 12.31.54 Movimento Nonviolento Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
comunicato stampa, con preghiera di pubblicazione. Grazie.

Quello che segue è il testo di una volantino (telematico e cartaceo) che
il Movimento Nonviolento, Beati Costruttori di Pace e Peacelink,
diffondono in tutta Italia in occasione della "festa delle forze armate".

4 NOVEMBRE
MAI PIU' GUERRE, MAI PIU' LUTTI

La prima guerra mondiale fu un orrendo massacro che costò, solo
all'Italia, 650 mila morti e un milione di mutilati e feriti (molti di
piu' di quanti erano gli abitanti di Trento e Trieste)
Il 4 novembre dovrebbe essere un giorno di lutto e di memoria. Non c'è
nulla da festeggiare o celebrare.
Dissociamoci da ogni retorica celebrazione di eroismo.
Dissociamoci da ogni ipocrisia.

Contro la retorica militarista, il 4 novembre invitiamo i cittadini ad
esporre dai loro balconi le bandiere arcobaleno, a partecipare alla
manifestazioni ufficiali esprimendo una voce di dissenso (con un
volantino, una bandiera che sventola, un cartello appeso al collo … la
Costituzione italiana garantisce a tutti i cittadini il diritto di
esprimere liberamente il proprio pensiero: facciamolo correttamente, con
educazione e civiltà, ma facciamolo!).

Davanti al dramma della guerra in Afghanistan, nella quale siamo
coinvolti come italiani, c’è ancora qualcuno che ha il coraggio di
celebrare con una “festa” la vittoria di una guerra? C’è solo da
vergognarsi, e tacere per rispetto delle vittime di tutte le guerre.
L’unico vero modo per celebrare il ricordo di una guerra, è quello di
impegnarsi con la nonviolenza affinchè non ci siano più guerre. Come ha
detto il grande scrittore Lev Tolstoj, profeta della nonviolenza, nel
capolavoro “Guerra e pace”, le guerre non si vincono, le guerre si
perdono e basta.

Chi volle la prima guerra mondiale fu un mascalzone
Chi la festeggia oggi e' un ignorante
Dal 4 novembre rinasca il monito solenne: MAI PIU' LA GUERRA!

Sosteniamo l'impegno nonviolento dei disertori, degli obiettori di
coscienza e di tutti coloro che sono impegnati nella Resistenza contro
la guerra e il militarismo.
Ci impegniamo oggi, ricordando che coloro che si rifiutarono di
combattere venivano fucilati dai carabinieri italiani.
Ricordando gli italiani pacifici che furono condotti a combattere e a
morire perché costretti.
Ci impegniamo oggi contro tutte le guerre in nome dei disertori che non
vollero partecipare a quella che papa Benedetto XV definì "un'inutile
strage".


Movimento Nonviolento
http://www.nonviolenti.org - an@nonviolenti.org

Associazione Beati i Costruttori di Pace
http://www.beati.org - segreteria@beati.org

Associazione PeaceLink
http://www.peacelink.it - info@peacelink.it
--
_____________________
Movimento Nonviolento
via Spagna, 8
37123 Verona

tel. 045 8009803
Fax 045 8009212

sito: www.nonviolenti.org


War is over (John Lennon)

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl