Italia sull’orlo del disastro economico, l’attacco della Infelise

16/nov/2010 18.44.17 Italia dei Diritti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Italia sull’orlo del disastro economico, l’attacco della Infelise

La responsabile per l’Economia e le Finanze dell’Italia dei Diritti: “Ciò che serve è una politica che intervenga concretamente, ma in Italia è la grande assente”

 

Roma, 16 novembre 2010 �“ L'Eurozona è sempre più in crisi. Irlanda e Portogallo, secondo gli economisti, saranno i prossimi a richiedere assistenza finanziaria al c.d. fondo salva stati istituito dall’Unione Europea lo scorso maggio, con sede a Lussemburgo. Ma il rischio default non preoccupa solo Dublino e Lisbona, infatti all’inaugurazione della due giorni di vertice comunitario, oggi si riunisce l’Eurogruppo e domani l’Ecofin, i dati Eurostat sono impietosi per tutti i Paesi dell’eurozona.

Sono tempi difficili, il vecchio continente è in grande difficoltà e siamo tutti spaventati”, ha commentato Lilia Infelise, responsabile per l’Economia e le Finanze dell’Italia dei Diritti. Che ha aggiunto: “I paesi emergenti dell'Asia  continuano a guidare la ripresa, in questa area saranno creati 14 milioni di nuovi posti di lavoro nei prossimi cinque anni. Stiamo attraversando la crisi del mondo industrializzato. L'Europa è la più colpita, con una disoccupazione che si attesta su 9-10% e che non accenna a ridimensionarsi, un deficit intorno al 7-8% del Pil e un indebitamento pubblico stimato sopra il 100% del Pil, sino al 2014.”

“In sostanza �“ ha proseguito la sua analisi la responsabile economica del movimento guidato da Antonello De Pierro �“ si sta delineando il graduale spostamento del baricentro dell’economia mondiale dall’Atlantico al Pacifico. L’unica soluzione, per noi europei, è trasformare completamente il nostro modello di sviluppo, non rincorrendo la fata morgana  dei bassi costi, bensì perseguendo e ribadendo i fondamenti culturali dell’Europa: multiculturalità, coesione ed equità, uguaglianza di genere, ricerca e innovazione al servizio di un nuovo contratto sociale tra territori, tra generi, tra generazioni.”

Guardando in casa nostra, la responsabile per l’Economia dell’IdD ha dichiarato: “Non preoccupano tanto i dati sul debito, destinato a crescere ai livelli limite in tutta Europa, quanto la strutturale debolezza del nostro Paese che è entrato nella crisi con una grave fragilità ed ha disatteso ogni aspettativa di intervento profondo e incisivo, per riforme radicali  del fisco, del mercato del lavoro, del credito e della ristrutturazione della spesa pubblica”.

“Ciò che serve in Italia, come in Europa, - ha concluso la Infelise �“ è una politica che intervenga concretamente sulla bassa produttività del lavoro, gli alti tassi di crescita della disoccupazione ed il crescente divario tra i dati strutturali del mercato del lavoro, tra zone maggiormente produttive e resto del Paese. La politica conta, ma è la grande assente in Italia”.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl