Una formazione etica e responsabile per la prevenzione degli incidenti di lavoro

20/gen/2011 16.19.38 Ufficio Stampa AiFOS Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Una formazione etica e responsabile per la prevenzione degli incidenti di lavoro

 

Gli auspici dell’associazione AiFOS per un 2011 all’insegna della qualità  

 

Per incidere in modo sensibile sulla sicurezza sul lavoro in Italia è necessario poter offrire a tutti i lavoratori una formazione qualitativamente valida ed efficace.

Per raggiungere questi obiettivi AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) ha lavorato per tutto il 2010 sviluppando una formazione alla sicurezza sul lavoro seria e responsabile, attenta alle esigenze delle imprese ed alle necessità dei lavoratori.

Alla base di questo lavoro c’è l’attenzione alla centralità dell’uomo, del lavoro e della vita di ciascun lavoratore, un’attenzione dimostrata anche dagli investimenti dell’Associazione in attività di sperimentazione e discussione (convegni, seminari,…) nel corso del 2010.

 

Di auspici per il 2011  - anno prodigo di impegni e sfide correlate alla crisi economica e le incertezze nel mondo del lavoro - e di obiettivi futuri di AiFOS ha parlato il Presidente dell’Associazione, il prof. Rocco Vitale, ricordando come nel 2010 si sia fatta molta formazione e spese grandi risorse, ma “non sempre bene”.

Molti corsi di formazione, realizzati  attraverso lo stanziamento di fondi pubblici, “non hanno dato i risultati previsti. Lo scarso utilizzo dei Fondi, le difficoltà amministrative e burocratiche allo svolgimento dei corsi finanziati hanno sviluppato, in concreto, più amministrazione che formazione. Buona parte delle risorse servono a finanziare la loro amministrazione e solo la metà viene investita per la formazione dei lavoratori”.

 

Come è stato rilevato nel seminario “Accrescere la cultura della sicurezza con la formazione finanziata”, che si è tenuto il 20 gennaio 2011 a Padova, per diminuire il numero di incidenti e malattie professionali non basta lavorare sulla quantità dei corsi, ma è necessario investire sulla qualità dell’offerta formativa.

 

Le prime osservazioni relative al 2010 – continua il prof. Vitale - mostrano come molta formazione finanziata non sia sempre stata una “formazione finalizzata, che con fatica ha risposto alle esigenze delle aziende e dei lavoratori”.

Quella espressa dal Presidente di AiFOS è una preoccupazione relativa all’attuale qualità della formazione, preoccupazione che deve portarci a cercare dei miglioramenti per il 2011.

Ad esempio “un maggior decentramento amministrativo ed organizzativo può giovare ad un più stretto contatto con il territorio. Non basta l’assegnazione dei fondi a livello regionale se a ciò non corrisponde un’interlocuzione sia amministrativa e, soprattutto, qualitativa sulla formazione alla sicurezza rivolta ai lavoratori delle imprese”.

 

Cosa fare per il 2011?

“Sulle nuove relazioni industriali maggior attenzione deve essere data alla cultura della sicurezza e sicuramente la contrattazione di secondo livello e quella aziendale potranno rappresentare un modello sul quale scommettere per sviluppare nuove iniziative di partecipazione e di formazione”.

 

Ai formatori, a coloro che sono in prima linea sul fronte della sicurezza sul lavoro, è importante richiedere “una maggior presa di coscienza del proprio ruolo”.

Nell’attuale mancanza di riforme e di regole, i “formatori possono dare un contributo determinante in termini di serietà e consapevolezza sviluppando una formazione etica e responsabile”.

Una formazione responsabile che parta da adeguate preparazioni e capacità nei formatori e si sviluppi offrendo idonee attività formative ai lavoratori.

Una formazione etica che sia “rivolta ai lavoratori per tutelarli nella loro salute e sicurezza e per adempiere ad una azione sostanziale e non di formale adempimento della norma”.

 

 

Per informazioni sulle attività dell’Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro: AiFOS via Branze, 45 - 25123 Brescia c/o CSMT, Università degli Studi di Brescia tel.030.6595031 - fax 030.6595040 www.aifos.eu - info@aifos.it

    

 

 

 

 

 

Ufficio Stampa di AiFOS

Responsabile: Tiziano Menduto

ufficiostampa@aifos.it  


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl