ANTIPLAGIO madonnina Civitavecchia bluff

21/ago/2005 04.35.18 Telefono Antiplagio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
TELEFONO ANTIPLAGIO 3388385999 - Comunicato stampa
Mentre a Civitavecchia iniziano i lavori per la realizzazione del santuario dedicato alla statua della madonnina di Pantano ed alle sue lacrime ingannevoli e mentre la stessa madonnina finisce nella stampa scandalistica, grazie alla testimonianza della show-girl Ramona Badescu, anch'essa ingannata da profumi e lacrime d'olio di altre statue da collezione della famiglia Gregori, apprendiamo che, in seguito ai raffronti effettuati tra il sangue della  madonnina di Civitavecchia e quello della Sindone, e' risultato che il  primo appartiene al gruppo B, il secondo al gruppo AB. L'esito di tale comparazione e' una novita' estremamente interessante,  perche' il  fatto che il sangue della statuetta di Civitavecchia sia di sesso maschile, ha dato origine alla seguente affermazione, contenuta  nel Dossier per il decimo anniversario della lacrimazione (pubblicato a febbraio u.s.):
'Le lacrime di Maria a Civitavecchia devono essere considerate sullo  sfondo del pianto di Gesu' su Gerusalemme e delle lacrime versate nel  Getsemani nel contesto della sudorazione di sangue. In tal modo esse  appaiono riflesso e continuazione di tale pianto, assumendo una  dimensione cristologica altamente significativa'.
Notevoli differenze sono state riscontrate anche dal confronto dei DNA.
Il sangue della Sindone, tra l'altro, ha caratteristiche molto antiche, compatibili con il periodo storico; il sangue della  madonnina di Civitavecchia, invece, appartiene ad un uomo contemporaneo. Gli elementi analizzati per scoprire tali differenze sono:
1) la sequenza degli amminoacidi costituenti l'emoglobina, paragonata a quella degli abitanti di Civitavecchia e all'emoglobina di un attuale palestinese;
2) la ricerca di glicemia e colesterolo, commisurati al periodo storico; duemila anni fa, infatti, il sangue presentava delle carenze in alcuni valori, determinate da un'alimentazione molto diversa dalla nostra.
Alla luce  di questi risultati, cade uno dei pilastri del 'miracolo' di Civitavecchia,  ovvero la considerazione che il sangue maschile della madonnina e' da mettere  in relazione alla figura di Cristo. A meno che, per dare credito alla lacrimazione  della statuetta di Civitavecchia, non si voglia ritenere solo un'opera d'arte  la sacra Sindone. Prescindendo da cio', il sangue di Gesu' ha comunque caratteristiche  arcaiche. D'ora in poi, quindi, se qualche impostore pensasse di usare sangue  umano del gruppo AB per far piangere un'immagine sacra, sappia che DNA e datazione storica diventano ostacoli insormontabili e motivo di indagine per l'autorita' ecclesiastica e la polizia giudiziaria.
Nonostante i lavori per la realizzazione del santuario vadano avanti (chissa' perche' tanta fretta), potra' un giorno la Chiesa fermare quella che sembra sempre di piu' una bufala?
Ufficio Stampa Antiplagio 3388385999 - 3388386000
www.antiplagio.org - www.antiplagio.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl