I volontari "Amici di L.Ron Hubbard" : al Bassanello insieme per migliorare l 'ambiente

I ricordi dei primi giorni di Novembre dello scorso anno sono ancora presenti, la primavera che avanza tende a spingerci a sognare i nuovi caldi, il verde e le varie forme di espressione di una natura che si sta risvegliando.

07/feb/2011 15.14.01 Chiesa di Scientology di Padova Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

I ricordi dei primi giorni di Novembre dello scorso anno sono ancora presenti, la primavera che avanza tende a spingerci a sognare i nuovi caldi, il verde e le varie forme di espressione di una natura che si sta risvegliando.  Tutto si è concluso, ma ancora oggi si sta lavorando per sistemare quello che resta da questo disastro. Il centro canottieri di Padova sta alacremente rimettendo a posto quei locali visitati da almeno 2 metri d’acqua !!! Nel frattempo i ragazzi e ragazze, sportivi di ogni età giornalmente continuano il loro sport preferito raggiungendo la riva del fiume tra muratori e scale. Presto anche questo centro sportivo sarà a posto.

            Dei segni sono ancora presenti sulle rive dei fiumi interessati dall’alluvione.                                   Da qualche settimana i volontari del gruppo “Amici di L. Ron Hubbard”, spinti dal motto: “si può fare qualcosa al riguardo”, sono impegnati nella bonifica dalle buste di plastica rimaste, come un’ombra dell’alluvione, appese agli alberi e cespugli lungo gli argini dei fiumi. Lo scopo dell’iniziativa è di limitare il più possibile i danni ambientali che quel tipo di rifiuto causa.

 “…è un segnale alla comunità, sulla qualità dell’ambiente e della vita…- sostiene Ettore Botter, coordinatore dell’iniziativa – oggi più che mai è necessario impegnarsi come singoli cittadini per rendere l’ambiente più sicuro e vivibile. In questo momento il livello dell’acqua è basso, l’aspetto degli argini in alcuni punti è veramente orribile. I sacchetti di plastica “sventolano” anche a tre metri di altezza sugli alberi… è uno spettacolo non necessario e anche noi cittadini possiamo fare qualcosa a riguardo.
Fin ora sono stati raccolti una trentina di sacchi di plastica.

Esempio paradossale di queste situazioni è il ritrovamento di un sacchetto appeso ad un ramo dove dalla terra depositata nel suo interno la vita si è fatta largo.

In segno di rispetto il pugno di terra e le piantine sono state estratte dalla plastica e attentamente rimesso nel terreno, mentre l’altro nel cassone della plastica. Le attività stanno continuando ogni sabato dalle 10 del mattino con punto di ritrovo il passaggio pedonale del Bassanello. La primavera incalza, il lavoro è molto ed è molto agevole ora che i rami sono ancora spogli, non sarà la stessa cosa tra poche settimane quando le foglie faranno la loro comparsa.

Il lavoro è tanto, nuovi Volontari sono benvenuti,

per informazioni: ETTORE BOTTER 348.3332499

www.ministrivolontari.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl