Miscellanea, sanità e non solo del 30 Settembre 2005

01/ott/2005 06.06.34 Luigi Sedita Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

L’accesso a una informazione diversificata è uno degli strumenti più efficaci per difendere la democrazia e i propri diritti; senza informazione e senza conoscenza  non c’è democrazia.  Le istituzioni democratiche non devono essere soffocate dalle concentrazioni mediatiche e finanziarie; in una società in cui l’informazione è sempre più manipolata e al servizio dei “poteri forti”, i primi a essere calpestati sono proprio i diritti della persona, della collettività e il bene comune. All’insegna dei fondamentali valori di “Libertà, giustizia, solidarietà, partecipazione”, Miscellanea vuole promuovere la consapevolezza della tutela dei diritti della persona, preservare la libertà di espressione, l’indipendenza di giudizio e tentare di fornire qualche “tessera” affinché  ognuno possa  comporre il proprio personale mosaico. “La difesa del nostro presente e del nostro futuro passa attraverso la conoscenza di quanto accade e di quanto è accaduto”. Luigi Sedita - luigi.sedita@poste.it - luigi.sedita@gmail.com - luigi.sedita@katamail.com

 

 

Trova l’errore

"Se la maggioranza cercherà di adottare una legge elettorale senza il consenso dell'opposizione ci opporremo con tutti i mezzi, in Parlamento e nel Paese. In nessun paese mai si è cambiata una legge elettorale durante la campagna elettorale, e in Italia la campagna elettorale è cominciata. Non si possono cambiare le regole del gioco quando è iniziata la partita" (Silvio Berlusconi, leader dell'opposizione, La Padania, 5 ottobre 2000, a sette mesi dalle elezioni).

 

"Questa legge elettorale è una cosa che si deve fare all'inizio della legislatura? No, non mi pare. E' questo il momento per farla, casomai. Si può lavorare di notte, di sabato, di domenica... Dipende tutto dal fatto se nella maggioranza c'è un accordo" (Silvio Berlusconi, presidente del Consiglio, Adnkronos, 14 settembre 2005, a sette mesi dalle elezioni).

 

Uniproporzionale - La chiarezza nella comunicazione e la coerenza sono il suo forte.

"Vogliamo una scelta chiara per l'uninominale maggioritario, con l'eliminazione della quota proporzionale e il turno unico". (Silvio Berlusconi, 7 giugno 1994).

 

"Il maggioritario è la nostra religione". (Silvio Berlusconi, 2 febbraio 1995).

 

"Se vogliono tornare alla proporzionale e al consociativismo, si sbagliano di grosso".

(Silvio Berlusconi, 15 maggio 95).

 

"Nutro diffidenza e paura per questo tentativo di tornare alla legge elettorale proporzionale, per questo disegno di ripristinare la logica dei pedaggi. Il consociativismo fu il male oscuro della vecchia Repubblica proporzionalistica. Il maggioritario è stato travolto in Parlamento dall'introduzione della quota proporzionale. Bisogna eliminarla, per togliere alla nomenklatura la possibilità di entrare in Parlamento attraverso una scorciatoia". (Silvio Berlusconi, 29 giugno 1995).

 

"Noi vogliamo il turno unico senza la quota proporzionale". (Silvio Berlusconi, 2 agosto 1995).

 

"Nessuno di noi si attacca a questa legge elettorale. Ci sono varie forme di doppio turno".

(Silvio Berlusconi, 23 gennaio 1996).

 

"C'è anche chi vuole tornare al Grande Centro, al sistema proporzionale, alla palude del consociativismo...".

(Silvio Berlusconi, 27 maggio 1996).

 

"A noi l'attuale legge elettorale va bene così, ma possiamo discutere garanzie maggiori per i partiti minori. Si può aumentare il peso della quota proporzionale, attualmente al 25 per cento".

(Silvio Berlusconi, 5 giugno 1997).

 

"C'è da chiedersi se non sia preferibile un cancelliere eletto in Parlamento con la proporzionale, lo sbarramento al 5 per cento e il premio di maggioranza". (Silvio Berlusconi, 15 aprile 1998).

 

"Sì a una legge proporzionale che non metta in crisi il bipolarismo". (Silvio Berlusconi, 14 luglio 2004).

 

"O si arriva a un sistema con due forze politiche, e allora si deve rinunciare all'ibrido della legge elettorale con la quota proporzionale; oppure si torna al proporzionale integrale". (Silvio Berlusconi, 28 aprile 2005).

 

"Non ho mai detto di voler tornare al proporzionale". (Silvio Berlusconi, 30 aprile 2005).

 

"Si parla di aumentare la quota proporzionale, e noi siamo disponibili, lo siamo sempre stati in questi anni". (Silvio Berlusconi, Ansa, 3 settembre 2005).

 

"Berlusconi: accordo possibile sul proporzionale". (Il Giornale, 4 settembre 2005).

 

Vedere e ascoltare i malvagi è già l'inizio della malvagità. Confucio

 

Una bella questione estetica.

"All Iberian? Mai conosciuta. Ma vi pare che, col mio senso estetico, avrei potuto accettare una società con quel nome?" (Silvio Berlusconi, 7 dicembre 2000).

 

"Le operazioni societarie e finanziarie prodromiche ai finanziamenti estero su estero dal conto intestato alla All Iberian al conto di transito Northern Holding (di Bettino Craxi, ndr) furono realizzate in Italia dai vertici del gruppo Fininvest Spa, con il rilevante concorso di Berlusconi quale proprietario e presidente... Non emerge negli processuali l'estraneità dell'imputato Berlusconi" (Corte di Cassazione, sentenza definitiva di prescrizione per Craxi e Berlusconi per 21 miliardi di lire di finanziamenti illeciti, 22 novembre 2000).

30.9.05 - La Repubblica - Attilio Bolzoni
Consulenze d'oro e uffici inutili, Benvenuti in Sicila, l'isola dello spreco.
Come ingaggio per risanare le finanze della disastrata sanità siciliana le hanno offerto quattrocento mila euro l'anno, più di mille al giorno. Se però raggiungerà l'obiettivo di far quadrare i conti, allora riceverà in premio altri ottanta mila euro. È Patrizia Bitetti la burocrate più pagata da quella macchina mangia soldi che è la regione. Dove c'è un direttore e un capo ufficio ogni due dipendenti, dove hanno creato fantomatici uffici speciali per sistemare amici o candidati trombati alle elezioni, dove per il mondo va in giro perfino un "ministro degli esteri" della Trinacria. È sempre un albero della cuccagna la regione siciliana. Sempre di più da quando ha come suo governatore Totò Cuffaro, il democristiano più democristiano di tutti.

 

1

Il sano è un malato che non sa di esserlo - Il marketing delle case farmaceutiche mira soprattutto a chi sta bene.

2

I saltafossi ? Pansa: tutti rimandati al 2011, Sgarbi e Pomicino mai. Questa gente i voti non li porta. È finita l'epoca dell'elettore che segue l'eletto come una pecora il pastore durante la transumanza".

3

Nuovi orizzonti al mantenimento a spese degli Italiani di figli e cugini, generi e cognati, zie e concubine. - La Lega fa lo scambio di coppie. Ballaman e Balocchi si assumono le mogli.

4

Pochi soldi, tanti guai. - Uno studio italiano analizza il legame tra disuguaglianze di reddito e mortalità. - Nonostante gli studi come questo, che attribuiscono ai fattori sociali un effetto importante sulla salute dei cittadini, in Italia è ancora scarsa l'attenzione alla questione da parte di medici e autorità, che tendono a ritenere decisivi solo i fattori legati alle variabili biologiche o agli stili di vita.

5

Individua villa romana con foto satellitare Google.

6

Chi è Trichet, colui che secondo il Governo avrebbe dovuto destituire Fazio.

7

Corte di Cassazione - Farmacie: il mancato rispetto orario apertura può integrare il reato di interruzione di un pubblico servizio.

8

Tre belle iniziative a Firenze il 3, 8  e 10 ottobre p.v.

9

Seminario sulle diverse culture nel processo costituente. - Dalla lotta antifascista alla revisione-rottura costituzionale il 7e il 13 Ottobre pv

10

La decisione di Vendola "Garanzie nei concorsi" - Puglia, un comitato per fermare i raccomandati. - per rendere oggettivo e trasparente il criterio di reclutamento del nuovo personale.

11

Di Pietro: niente condannati - L’ex pm ripropone di escludere le persone colpite da sentenze definitive.

12

Bocca: purtroppo l’illegalità è ovunque . Dobbiamo prendere atto che gli italiani sono diventati in maggioranza ladri o amici dei ladri. E’ girata la morale corrente. Tutti i partiti sono corrotti. Ma questo non significa che destra e sinistra si equivalgano. A sinistra ci sono ancora persone perbene. E poi il padre della corruzione italiana è Berlusconi. Sta dicendo che ruba pure la sinistra?
L’illegalità è ovunque. Nella classe medica il furto è diffusissimo. Un tempo, un militare sorpreso a rubare si suicidava; ora patteggia la pena. E si ruba anche nelle amministrazioni di sinistra.

13

Robot come pazienti per tirocinio medico.

14

Il falso e il bilancio.

15

Hai il computer? Paghi il canone tv. - Aggiornato un Regio Decreto del ’38: anche chi non possiede
il televisore è obbligato, se ha un pc, a pagare il balzello Rai.

16

Romania, dilagano le bustarelle ai medici.

17

Delitto fatto in casa.Omicidio tra cugini nella Firenze del Cinquecento.

18

Elogio della pirateria. Dal Corsaro Nero agli hacker. Dieci storie di ribellioni creative. Il libro è rilasciato con la licenza Creative Commons "Attribution-NonCommercial-NoDerivs 2.0", consultabile in rete all'indirizzo http://creativecommons.org

19

Traditi dalla pausa caffè. Deve risarcire il danno chi si assenta dal servizio, senza autorizzazione, per la "pausa caffè".

20

Già nel 1286 Pisa illuminava le strade più frequentate ripartendo la spesa tra il comune e gli abitanti.

21

Disfunzione erettile: utili gli esercizi del pavimento pelvico. Dopo sei mesi di esercizio, il 40 percento dei pazienti presenta una funzione erettile normale, ed un ulteriore 35 percento presenta comunque significativi miglioramenti.

22

Certificazione medica per patentino ciclomotori.

23

Il “denturist” non è odontoiatra.

24

Energia alternativa ed energia nucleare.

25

Doveva dimezzare le tasse, ora si vanta di non averle aumentate. Doveva dimezzare i reati, ora si vanta di non averne commessi (in realtà prima li ha commessi, poi li ha depenalizzati). Si accontenta di poco, nella speranza che gli elettori facciano altrettanto. E’ una nuova forma di pubblicità progresso. Come se un ristoratore, per attirare clienti, affiggesse all’ingresso la scritta: “Venite, non abbiamo mai avvelenato nessuno“.

26

La riforma elettorale approvata in Commissione(Ddl Com Affari costituzionale Camera 28.9.2005)

27

Il tempo vola.

28

Come piaceva Antonio Fazio. - Poche idee ma faziose.

29

Rosso Fiorentino - Una vita fuori dagli schemi. Scrive il Vasari: giovanotto bellissimo, 'bonissimo musico', dotato di grande tecnica pittorica, ma con il pallino di dipingere 'con leggiadra maniera e terribilità cose stravaganti'. 

30

Ego me absolvo. - Giustizia è fatta anche stavolta. E non sappiamo se siano più spiritosi i giudici quando scrivono che "il fatto non è più previsto dalla legge come reato", o l'avv. on. prof. pres. Gaetano Pecorella che esulta per la "sentenza giusta e attesa".

31

A futura memoria.

32

Compagno Ricucci.

33

I faziosi/1 Giorgio La Malfa

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl