[COMUNICATO STAMPA] Sostegno alla protesta contro la caccia agli uccelli protetti

04/ott/2005 01.02.37 Caccia il Cacciatore Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
[COMUNICATO STAMPA]
3 ottobre 2005

ANCHE L'ASSOCIAZIONE ITALIANA FAMILIARI E VITTIME DELLA CACCIA
SI SCHIERA CONTRO LA DELIBERA DELLA GIUNTA REGIONALE LIGURE
SULLA CACCIA AGLI UCCELLI PROTETTI

Contro la delibera della giunta regionale ligure per la caccia agli uccelli
protetti dalla normativa europea, da mercoledi' 28 settembre la consigliera
dei Verdi Cristina Morelli sta portando avanti una protesta, attraverso
una petizione e uno sciopero della fame.

Le adesioni alla petizioni sono trasversali: arrivano dal mondo politico,
di sinistra, di destra, indipendente, da singoli cittadini e da
associazioni.

Anche l'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Caccia, nonche'
i Comitati di Cittadini "Caccia il Cacciatore" aderiscono alla petizione,
dichiarando: "Siamo convinti che la protesta della consigliera Morelli debba
essere sostenuta da tutta la societa' civile, perche' la stragrande maggioranza
dei cittadini e' contro la caccia e quindi ogni occasione in piu'
offerta ai cacciatori per sparare e' un andar contro i diritti dei
cittadini: diritto alla sicurezza, diritto a godere della natura e degli
animali selvatici, liberi e vivi, che la popolano."

L'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Caccia, ha lo scopo di
contrastare la pratica venatoria per la sua pericolosità per l'incolumità
pubblica, e cerca di risolvere le tante situazioni di disagio, anche
grave, che questa comporta a molte famiglie italiane.

Attraverso i Comitati di Cittadini "Caccia il Cacciatore" sono state gia'
ottenute varie ordinanze comunali di divieto di caccia: e' infatti in potere
dei sindaci emettere questo genere di ordinanze come provvedimento, anche d'urgenza,
una volta constatato il diffuso allarme sociale e il pericolo concreto ed immediato
per la pubblica incolumita' (ai sensi del secondo comma dell'art.54 Decreto
Legislativo 18 agosto 2000 n.267).

"Speriamo che l'amministrazione regionale ligure si dimostri solidale
coi suoi tanti cittadini piuttosto che coi suoi pochi cacciatori, e
che non dia ulteriori possibilita' a questi ultimi di nuocere: alle
persone, agli animali, all'ambiente" concludono i rappresentanti
dell'Associazione Vittime.

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Caccia
http://www.cacciailcacciatore.org - info@cacciailcacciatore.org
3336705842





blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl