Digiuno, 68° giorno

Doveva essere una "missione lampo", e come tutte le guerre, si sa come iniziano, ma non si sa come finiscono.

Persone John Lennon, Doveva
Luoghi Italy, Turin, Bari, Palermo, Venice, Verona, Libya, Spain, Trieste
Organizzazioni North Atlantic Treaty Organization
Argomenti music, linguistics

06/gen/2011 19.52.28 Movimento Nonviolento Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
SESSANTOTTESIMO GIORNO DI
DIGIUNO NONVIOLENTO, COLLETTIVO, A STAFFETTA
PER OPPORSI ALLA GUERRA E AL NUCLEARE

Anche oggi una notizia cattiva e una buona.

La cattiva (ma non inaspettata) che la Nato ha deciso di prolungare
per altri 90 giorni la missione militare "Unified Protector" (cio la
guerra) in Libia: i bombardamenti dovevano cessare il 27 giugno, e
proseguiranno fino a settembre. Doveva essere una "missione lampo", e
come tutte le guerre, si sa come iniziano, ma non si sa come finiscono.

La buona (molto attesa) che il 12-13 giugno si voter anche per il
referendum antinucleare. La Corte di Cassazione ha bocciato il tentativo
di inganno messo in atto dal governo per togliere agli elettori il
diritto di voto referendario. Ora l'obiettivo da raggiungere quello di
superare il quorum, facendo s che almeno la met pi uno degli aventi
diritto si rechi alle urne.

Dunque, i motivi che ci hanno spinto a dare avvio al digiuno a
staffetta, ci spronano a proseguire questa iniziativa nonviolenta:
l'Italia rispetti la Costituzione ed esca dalla guerra in Libia;
gli elettori votino a favore dell'abrogazione del nucleare.

Il digiuno che stiamo conducendo un gesto di nonviolenza attiva, un
atto di speranza, un fatto concreto contro la guerra e la sua
preparazione, contro il nucleare che uccide il presente e il futuro.

Sono pi di 160 le amiche e gli amici della nonviolenza che hanno finora
aderito al digiuno promosso dal Movimento Nonviolento "per opporsi alla
guerra e al nucleare". C' chi digiuna anche se malato in ospedale, chi
in una cella di convento o di carcere, chi partecipa ma preferisce non
farlo sapere pubblicamente e chi, non potendo aderire per vari motivi,
lo fa spiritualmente.
Questa iniziativa nonviolenta prosegue dal 27 marzo scorso, e nuovi
aderenti hanno gi annunciato la loro partecipazione almeno fino a
mercoled 8 giugno. Ma altri ancora si stanno aggiungendo, e si
proseguir oltre. Si digiuna in ogni parte d'Italia, da Trieste a
Palermo, da Torino a Venezia, da Verona a Bari.

La nonviolenza contagiosa; abbiamo iniziato con un digiuno di 48 ore,
che sta proseguendo da 68 giorni.

Chi desidera aderire al digiuno lo pu comunicare a:
azionenonviolenta@sis.it

(indicare nome, cognome, citt, giorno o giorni di digiuno)

In allegato l'elenco dei digiunanti aggiornato alle ore 19,30 del primo
giugno 2011

mao valpiana
--
_____________________
Movimento Nonviolento
via Spagna, 8
37123 Verona

tel. 045 8009803
Fax 045 8009212

sito: www.nonviolenti.org


War is over (John Lennon)

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl