A Marotta “la verità sull’abuso di  farmaci prescritti”

03/giu/2011 20.08.55 "Amici di L. Ron Hubbard" Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Allo scopo di elevare la consapevolezza riguardo alla salute ed aumentare l’informazione relativa alle droghe i volontari “Amici di L.Ron Hubbard” il prossimo lunedì  pomeriggio, distribuiranno gratuitamente sul lungomare di Marotta l’opuscolo informativo di prevenzione  “La verità sull’abuso di FARMACI PRESCRITTI”. L’utilizzo di farmaci per sballarsi è un problema serio tra gli adolescenti ed i giovani. Studi nazionali dimostrano che un adolescente ha più probabilità di abusare di farmaci anziché droghe illegali da strada.

Molti adolescenti pensano che i farmaci siano sicuri perché vengono prescritti dai dottori. Ma assumerli per scopi non medici, per sballarsi o per “auto-curarsi” può essere pericoloso e creare assuefazione quanto assumere delle droghe da strada.

Nel 2007 il Progetto europeo di sondaggi nelle scuole sull’alcol e altre droghe ha scoperto che in Italia, il 10 % degli studenti ha abusato di tranquillanti o sedativi almeno una volta.

L’abuso di farmaci prescritti ha causato la più alta percentuale di morti per overdose.

Molte pillole sembrano uguali. Ed è’ estremamente pericoloso assumere una pillola di cui non si è certi o che non è stata prescritta.

Le persone possono anche avere reazioni diverse ai farmaci. Un farmaco che andava bene per una persona potrebbe essere molto rischioso o addirittura fatale, per qualcun altro.

I farmaci sono sicuri solo per gli individui a cui sono stati prescritti e per nessun altro.

All’interno dell’opuscolo che sarà distribuito dai volontari, si trovano descrizioni esaurienti riguardo ai sedativi, gli oppiacei ed i derivanti della morfina, stimolanti e antidepressivi.

L’abuso di farmaci prescritti può essere ancora più rischioso dell’abuso di droga illegale. La forza di alcune delle droghe sintetiche (create dall’uomo) disponibili come farmaci prescritti crea un alto rischio d’overdose.

I volontari, ispirati dalle scoperte del filosofo ed umanitario L. Ron Hubbard, sugli effetti dannosi che le droghe possono causare alle persone, sia quando sono assunte sia dopo tanto tempo dall’assunzione, consapevoli di questi rischi, supportano la campagna internazionale della religione di Scientology Dico No Alla Droga, Dico Si Alla Vita per rendere questa società un mondo migliore in cui vivere liberi dalla droga.

Visita il sito: www.noalladroga.org  

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl