ANTIPLAGIO NEWS: maghi in tv solo di notte, TAR Lazio ratifica Authority

27/nov/2005 19.02.39 Telefono Antiplagio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
TELEFONO ANTIPLAGIO 3388385999 - COMUNICATO STAMPA

Telefono Antiplagio informa che il TAR Lazio ha dato ragione all’Autorita' per le Garanzie nelle Comunicazioni: astrologi, previsioni e cartomanti televisivi potranno andare in onda solo dalle 23 alle 7. Pertanto la delibera dell'Authority dell'8 marzo scorso, congelata dal TAR dopo una valanga di ricorsi, e' vigente a tutti gli effetti. Nell'udienza del 9/11 u.s. il TAR Lazio ha respinto tutte le eccezioni sollevate da decine di tv locali e gestori di 166, 899, 892, 0878 ecc.
Contro la direttiva si era schierata la nostra associazione, che chiedeva il divieto totale della pubblicita', e gran parte dell'emittenza locale, che voleva esattamente l'opposto: emittenza locale che commercializza assurde previsioni sulle stelle, le carte, la cabala e, soprattutto, sulla pelle dei cittadini piu' deboli, tramite telefonate che costano fino a 111 euro l'ora. Subito dopo la pubblicazione della delibera, che avrebbe dovuto essere applicata a partire dallo scorso 28/5, erano stati presentati i ricorsi al TAR Lazio che, il 25/5, aveva sospeso l'esecuzione del provvedi mento, fissando l'udienza pubblica per l'esame di merito al 9/11. Udienza che, appunto, ha visto tutti i ricorsi respinti.
Telefono Antiplagio aveva chiesto il divieto generalizzato delle televendite in questione per i seguenti motivi:
- I pronostici sul lotto, i consulti di cartomanzia ecc., che vengono reclamizzati nelle pagine teletext di Mediaset, nel Televideo Rai e dalle tv locali e satellitari, mettono sul lastrico migliaia di famiglie e non rispettano il codice di autoregolamentazione del 4/6/02.
- Ogni giorno, in tutte le fasce orarie, sedicenti 'indovini' invadono tv e televideo con ingannevoli e truffaldine televendite di codici 899, con relative tariffe oscurate o talmente piccole e sfuocate da non poter essere lette, quando invece bisogna rispettare precisi obblighi di legge.
- Certi presunti 'lottologi' svuotano le tasche dei cittadini, che si lasciano attrarre da fotocopie di scontrini vincenti visti in tv e su qualche giornale, appartenenti anche alla concorrenza o a semplici giocatori: scontrini che alcune ricevitorie del lotto conniventi, istruite ed 'oleate' a dovere, inviano al numero di fax del fantomatico 'indovino' o della tv che lo pubblicizza.
- Di fronte agli sbarramenti telefonici degli 899, gli imbonitori approntano i nuovi codici 892 e 0878; quest'ultimo viene modificato graficamente in 087-8, creando nel telespettatore l’illusione che si tratti di un comune prefisso interurbano, mentre puo' essere utilizzato esclusivamente per sondaggi e televoto.
- Un’altra trovata, studiata dai sedicenti 'maghi', e' quella di abbinare ad ogni data di nascita dei telespettatori un pronostico del lotto casuale perche', prima o poi, qualcuno vincera'. E se non vince, vuol dire che la data di nascita e' sfortunata.
- I centralinisti di molti call center, retribuiti a percentuale, fanno di tutto per tenere in linea l'utente o farlo richiamare piu' volte.
Se i programmi dei ciarlatani, come sostengono le tv private, costituiscono fino al 60% delle loro risorse, meglio che siano oscurati totalmente, perche' in un Paese civile per mantenere il posto di lavoro di alcuni non si puo' far perdere il lavoro e la dignita' a tanti altri. Non si tratta di impedire la liberta' di pensiero o di impresa, ma la liberta' di presa in giro. La protesta delle tv locali, tra l'altro, non ha ragione di esistere in quanto: 1) in Italia il mestiere di ciarlatano e' vietato per legge, che definisce ciarlatano proprio l'indovino, il cartomante, l'interprete di sogni ecc. (art. 121 TULPS); 2) le emittenti locali chiamano servizi quelli che sono solo raggiri; o pensano forse che dare i numeri sia una cosa normale o una vendita uguale alle altre? 3) se le tv ritengono di essere danneggiate finanziariamente, potrebbero rilanciare, proponendo di mandare in onda 24 ore su 24 i ciarlatani, ma assumendosi la corresponsabilita' penale del messaggio truffaldino; da questo orecchio, pero', non ci sentono: troppo comodo parlare dei danni subiti, quando quelli provocati sono molti di piu'.
A questo punto Telefono Antiplagio spera che le Autorita' preposte vigilino per far rispettare la delibera in questione perche', nonostante la sentenza del TAR Lazio, indovini, cartomanti e sensitivi continuano impunemente ad andare in onda a tutte le ore della notte e del giorno.

Ufficio Stampa Antiplagio 338.8385999
www.antiplagio.org - www.antiplagio.it
Prof. Giovanni Panunzio, fondatore e coord. naz.
Cagliari 28/11/05
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl