Comune di Caserta: quasi due anni di attesa e poi il pignoramento per quanto dovuto a tre lavoratori

16/set/2011 16.55.02 Veniero Adriano Fusco Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
Comunicato stampa
 
 
Comune di Caserta: quasi due anni di attesa e poi il pignoramento per quanto dovuto a tre lavoratori
 
 
Era il febbraio del 2010 quando il Comune di Caserta fu condannato dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere al pagamento delle indennità non corrisposte a tre lavoratori impegnati in un progetto per il recupero dei dati informatici di canoni e tributi.
 
A partire dal 2003, l’amministrazione comunale aveva impegnato tre dipendenti nell’attività di riorganizzazione e di informatizzazione dell’archivio dei canoni e dei tributi per le annualità non affidate al servizio esterno, ma a conclusione del progetto aveva sempre negato il pagamento delle indennità collegate agli obiettivi raggiunti ed al lavoro straordinario eseguito, nonostante il progetto stesso fosse stato regolarmente adottato dall’ente e i lavoratori lo avessero portato puntualmente a termine nei tempi prefissati, opponendo alle legittime richieste dei dipendenti dei vizi pregressi inesistenti.
 
Il comportamento dell’amministrazione non era affatto cambiato dopo la condanna e per quasi due anni essa ha opposto, alle legittime richieste di pagamento da parte dei lavoratori, una serie di dinieghi secondo cui le somme a disposizione sui conti correnti del Comune erano destinati e vincolati ad altre voci di spesa, giustificazioni già addotte in un’altra vertenza a carico dello stesso Comune di Caserta e della Sace e già rigettate dal Tribunale.
 
“Finalmente in questi giorni, e ancora una volta, è stato superato l’uso fittizio da parte di numerosi Comuni ed Enti locali della non pignorabilità di somme destinate ad altri fini al solo scopo di non procedere al pagamento dei creditori e, tra questi, in primo luogo dei lavoratori” dichiarano in una nota congiunta il segretario regionale ed il segretario provinciale FP Cisl, rispettivamente Rino Brignola e Carmine Lettieri, che esprimono soddisfazione “per il rafforzamento degli strumenti a tutela dei lavoratori che discende da questa decisione”.
 
“Anche in questa vicenda i giudici hanno accolto un importante principio di diritto a tutela dei lavoratori” dichiara l’avvocato Domenico Carozza, che ha seguito dall’inizio la vertenza “secondo cui gli enti locali non possono far gravare sui lavoratori le proprie inefficienze e le discordanze tra i propri uffici e, pertanto, si è proceduto al pignoramento dai conti bancari del Comune, ed al materiale pagamento ai lavoratori, di una somma pari a circa 50.000 €, nonostante la scarsità di fondi in cassa da più parti denunciata in questi giorni anche dai vertici dell’amministrazione comunale”.
 
 
Caserta, venerdì 16 settembre 2011


Veniero Adriano Fusco
 

cell. 349.0915305
mail venierofusco@yahoo.it
p. iva 03533570614
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl