Imposta sul trasferimento di soldi all'estero: fatta la legge, trovato l'inganno

Imposta sul trasferimento di soldi all'estero: fatta la legge, trovato l'inganno.

Organizzazioni INPS, Comunità Europea, Unione Europea
Argomenti economia, banca

04/ott/2011 19.04.32 Valeria Biagi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Dato il momento di crisi dei conti pubblici e con un governo che, per usare un eufemismo, certo non si può dire che abbia un occhio di riguardo per i lavoratori provenienti da paesi extra Comunità Europea, con la finanziaria recentemente approvata è stata introdotta una imposta del 2%, con un prelievo minimo di 3 euro, sui trasferimenti di denaro all'estero attraverso istituti bancari, altri agenti di attività finanziaria e agenzie di Money transfer.
Da alcune settimane, dunque, inviare soldi all'estero è diventato più caro. Se da un lato è comprensibile la necessità del governo di fare cassa e sfruttare quindi ogni opportunità per spillare qualche euro ai cittadini, dall'altra non si può condividere un intervento fiscale che va a colpire persone che lavorano duramente, spesso facendo i lavori più umili e faticosi e che con tanta fatica e sacrifici ragranellano qualche euro da mandare in madrepatria per aiutare la famiglia rimasta là.

Saranno esenti i trasferimenti effettuati da persone fisiche munite di matricola Inps e codice fiscale. Non sono imponibili i versamenti effettuati verso i Paesi membri dell'Unione europea e quelli effettuati dai cittadini dell'Unione europea.
La norma dunque oltre che iniqua è pure sciocca: sarà sufficiente chiedere a un amico registrato all'INPS o a un cittadino italiano di inviare il denaro a proprio nome per non pagare il balzello. Fatta la legge, trovato l'inganno.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl