Agnese Ginocchio la Joan Baez della Pace alle GIORNATE MONDIALI Pace-Convegno e Marcia nazionale Pace Trento

Allegati

28/dic/2005 04.39.01 infopace Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

  GIORNATE  MONDIALI  DELLA  PACE
"GIUSTIZIA e PACE"

 
                           Agnese Ginocchio la Joan Baez della Pace
                                   Voce in Marcia contro le guerre
                alle Giornate mondiali e 38a Marcia nazionale della Pace 
            Trento -Città Ponte -29-30-31-dicembre 2005-1 Gennaio 2006
                  
   "L'impegno per la pace e la legalità ci chiama ad essere infaticabili provocatori della Nonviolenza !-Così recita la nota di un comunicato di Agnese Ginocchio della Pax Christi (sez. di Caserta) che richiama  il tema del Convegno nazionale della CEI che precederà la 38^marcia nazionale della Pace  a Trento -Questa scelta-si legge ancora nella  nota - induce la nostra vita all'azione e al movimento.Per essere al passo coi tempi , non mi stanco di ripeterlo ,è fondamentale  uscire fuori le nostre case e cominciare a pensare non più al singolare bensì al plurale ,interessarci  dei problemi  che attraversano il panorama sociale e globale dell'umanità . Infaticabili provocatori della Nonviolenza significa condividere insieme gioie e dolori dell'umanità, accogliere le diversità,ascoltare la voce di chi soffre , sostenere  il  povero , l' emarginato ,chi vive una situazione di precarietà ,di  discriminazione ed è solo,Essere 'Voce' di chi non ha più voce! .Opporsi di fronte ad azioni malvage,a leggi che appoggiano o giustificano le guerre e le morti di innocenti vittime civili,le mafie, le pene di morte,la legalizzazione dei  CPT - gabbie  nelle quali vengono rinchiusi e trattati  come  schiavi,  senza alcun rispetto umano ne  dignità  , tanti clandestini  che a causa  di guerre e di miserie  sono costretti a fuggire dalle loro terre.Leggi ancora che favoriscono la privatizzazione dei beni comuni come l'acqua ,fonte che nasce libera, essenza vitale di cui l'uomo non può farne a meno.Leggi  che mettono in subbuglio l'intero equilibrio socio-economico del pianeta ,dentro cui il sistema ci  sguazza: i ricchi diventano sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri! C'è urgente bisogno allora di dare una svolta,un cambiamento , è  fondamentale , necessario , come l'aria che si respira.Non c'è un minuto da perdere  perchè il mondo,il pianeta sta soffodando ! Essere  infaticabili provocatori della Nonviolenza significa osare dunque per la Pace, invitare e provocare gli uomini e le  donne del terzo millennio a rimettersi  in cammino ,rimettersi in gioco.Insieme e solo formando una grossa rete di unione, si potranno costruire saldi Ponti -Arcobaleno che siano in grado di spezzare la catena dell'indifferenza del sistema ,Ponti di Solidarietà che difendino e tutelino quei  sacrosanti Valori  della Giustizia e della Democrazia,della Libertà ,della tolleranza ed eguagliaza fra i popoli, del rispetto per l'ambiente e la salvaguardia  del creato . Valori che mettano  in risalto la priorità e la centralità dell'uomo ,senza i quali  non si potrà mai costruire un  equilibrio  mondiale  economico più etico ,solido, giusto e duraturo. Questi principi  sono la condizione necessaria( altre strade non ce ne sono  ) per globalizzare la Solidarietà  e avere Pace nel mondo !" Queste le parole di Agnese Ginocchio , una voce nonviolenta  in marcia per liberare la Pace,che si attiva dal basso con la sua musica impegnata ,da lei definita -sua arma nonviolenta contro tutte le guerre-per la difesa dei diritti umani,sociali e ambientali .Impegnata da anni  per la promozione di una cultura di pace,legalità e nonviolenza , testimonial  per la pace più volte nell'ambito di manifestazioni  nazionali  ,la Joan Baez di Terra di lavoro (Caserta) così come spesso è stata definita Agnese ,sarà presente  a Rovereto e a Trento città Ponte ,dove canterà per la Pace al Convegno nazionale : "Infaticabili provocatori di nonviolenza. Il nesso fra le grandi e le piccole scelte" che precederà la 38a Marcia nazionale della Pace sul tema della Giornata mondiale della Pace del 1 Gennaio : "Nella verità la Pace"! L'evento è stato promosso dalla Commissione Giustizia e Pace per i problemi sociali e il lavoro della conferenza Episcopale Italiana, dalla Caritas nazionale, da Pax Christi Italia , Arcidiocesi di Trento , Forum Trentino per la Pace , Centro di Educazione alla  Pace di Rovereto  , col patrocinio del Comune e Provincia autonoma di Trento .La presenza di Agnese è stata resa possibile grazie all'impegno del prof. Andrea Trentini referente del Centro di Educazione alla Pace e diritti umani  di Rovereto , di don  Rodolfo  Pizzoli presidente della Commissione Giustizia e Pace della Cei dell' Arcidiocesi di Trento e di d. Fabio Corazzina coordinatore nazionale Pax Christi . (Segue  storia  della Marcia) Su iniziativa di Pax Christi la marcia per la pace fu celebrata come un evento a livello nazionale il 31 dicembre dopo che nel 1968  papa Paolo VI  istituì la Giornata mondiale della Pace (appunto il primo gennaio) , con lo scopo di proporre un momento che desse il  "" alla giornata successiva e per offrire una conclusione dell’anno "alternativa" ai soliti festoni.Infatti ai partecipanti è proposto il digiuno e un conseguente gesto di solidarietà ,che quest’anno è stato indicato dal centro missionario diocesano di Trento con il progetto "Un pane ad ogni bambino"  per realizzare una mensa scolastica a Yopougon, Costa d’Avorio".La marcia della pace del 31 dicembre sarà preceduta dal Convegno di Pax Christi dal titolo:"Infaticabili provocatori di nonviolenza. Il nesso fra le grandi e le piccole scelte"  e si svolgerà presso il Palazzetto dello Sport di Trento Nord (Gardolo)  dove si susseguiranno interventi di Testimonial per la Pace ,la Giustizia e Missioni fra cui si segnala per il giorno 30 (ore 20,30 presso la Sala della Filarmonica - Corso Rosmini di  Rovereto ): Giorgio Beretta presidente di Unimondo ,Mons. Luigi Bettazzi già presidente nazionale di Pax Christi, Raffaello Zordan giornalista di Nigrizia ;mentre per il 31 a Trento(Palasport ore 17:00-20:00 segue marcia) :saluti del presidente della provincia  di Trento Dott. Lorenzo Dellai e Dott. Alberto Pacher sindaco di Trento ,interventi di: don Rodolfo Pizzolli direttore ufficio per i problemi sociali e il lavoro,Dott. Umberto Folena giornalista di Avvenire ,Dott. Paolo Beccegato, responsabile dell’area internazionale della Caritas italiana ,Dott. Alberto Bobbio, giornalista “Famiglia Cristiana”,Padre Nicola Colasuonno, direttore “Missione Oggi”,Mons. Arrigo Miglio  vescovo di Ivrea  presidente della Commissione Episcopale per i Problemi Sociali e il Lavoro, la Giustizia e la Pace ,rappresentanti del tavolo locale delle appartenenze  religiose e della fondazione Migrantes di Trento,prof. Gianni Bonvicini, direttore Istituto Affari Internazionali di Roma, Mons. Mariano Manzana vescovo trentino in missione a Mossoro' (Brasile), Mons. TommasoValentinetti attuale presidente di Pax Christi Italia ,padre Gabriele Ferrari missionario in Burundi (il 31 a Trento) ,mons. Mariano Manzana vescovo trentino missionario di Mossorò (Brasile)letture  di Alexander Langer, Frere Roger ,Oscar Romero ,Paolo VI,Giovanni Paolo II ,d.Primo Mazzolari ,fr. Christian priore dei sette monaci rapiti e uccisi in Algeria. La Marcia della Pace sarà accompagnata con la luce di Betlemme fino al Duomo e al termine la  S. Messa celebrata dall'Arcivescovo di Trento Mons. Luigi Bressan ..
 
 
Info programma completo Trento e Rovereto (Convegni del 29-30-31 dicembre 2005) :
www.paxchristi.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl