ratzinger e la << perversione della gioia>>

ratzinger e la ratzinger e la

09/gen/2006 17.37.27 Francesco Scanagatta Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
ratzinger e la << perversione della gioia>>

il signor Ratzinger ha dichiarato l’otto di gennaio
2006:
<<(…)si rinuncia - così si diceva - alla «pompa
diabuli», cioè alla promessa di vita in abbondanza, di
quell'apparenza di vita che sembrava venire dal mondo
pagano, dalle sue libertà, dal suo modo di vivere solo
secondo ciò che piaceva. Era quindi un «no» ad una
cultura apparentemente di abbondanza di vita, ma che
in realtà era una «anticultura» della morte. Era il
«no» a quegli spettacoli dove la morte, la crudeltà,
la violenza erano diventati divertimento. Pensiamo a
quanto si realizzava nel Colosseo o qui, nei giardini
di Nerone, dove gli uomini erano accesi come torce
viventi. La crudeltà e la violenza erano divenuti un
motivo di divertimento, una vera perversione della
gioia, del vero senso della vita. Questa «pompa
diabuli», questa «anticultura» della morte era una
perversione della gioia, era amore della menzogna,
della truffa, era abuso del corpo come merce e come
commercio.>>
come sempre siamo nella menzogna e nella
falsificazione.
si presenta l’antica Roma come cattiva.
il signor ratzinger alla <<culla del diritto>>
preferisce il diritto all’inquisizione.
per un monoteista solo la sofferenza e la
sottomissione ad un falso dio rappresenta un forma di
felicita’.
i cristiani hanno utilizzato tutte le garanzie che
l’antica roma garantiva loro i modo mafioso. una volta
distrutto l’impero hanno provveduto a denigrarlo, e la
denigrazione continua anche oggi.
tutti conoscono le “garanzie” che l’inquisizione
offriva alla sue vittime. ben diverse erano i diritti
che l’antica Roma
offriva ai suo cittadini, a tutti i suoi cittadini.
possiamo leggere nell’orrendo libro chiamato “bibbia”
questi versetti:
<<25 Ma mentre veniva legato per essere frustato,
Paolo si rivolse al centurione lì presente e gli
domando: "Siete autorizzati a frustare un cittadino
romano, senza neppure un processo?"
26 L'ufficiale corse subito dal tribuno, per
avvertirlo: "Lo sai che cosa stai per fare? Quell'uomo
è cittadino romano!" esclamo.
27 Allora il tribuno si avvicino a Paolo e gli chiese;
"Dimmi, sei davvero cittadino romano?" "Sì!" rispose
Paolo.
28 "A me questa cittadinanza è costata una fortuna!"
replico il comandante. "Io, invece, sono cittadino
romano dalla nascita!" preciso Paolo.
29 A queste parole, i soldati, che poco prima erano
pronti a frustarlo dovettero subito ritirarsi. Anche
il comandante, sentendo che era un cittadino romano,
ebbe paura perché lo aveva fatto legare.>>( Atti 22).
la semplice lettura di un testo di diritto romano
dimostrerebbe la falsita’ di quanto riportato dalla
bibbia: << Nel processo penale l’humanitas esige che
l’accusato sia garantito contro lo strapotere dello
stato, attraverso la sicurezza della difesa e la
cooperazione di non funzionari alla decisione; e,
inoltre, vieta la tortura dell’accusato e dei
testimoni. Nell’osservanza di questi postulati il
diritto repubblicano ha raggiunti il grado più alto
nel processo delle giurie, (questiones), che è
puramente accusatorio. L’accusato è alla pari
dell’accusatore; l’escussione delle prove spetta alle
parti;>>(scritti utili per lo studio dell'Esegesi
delle fonti del Diritto Romano).
certo per il signor ratzinger questa e’: <<
perversione della gioia>>.
per denigrare l’antica roma ha bisogno di ripetere la
favoletta delle persecuzioni dei cristiani.
persecuzioni che non sono mai esistite.
il cristianesimo quando non puo’ perseguitare gli
altri si dice perseguitato e discriminato.
il monaco Giovanni d'Efeso <<faceva perseguitare i
pagani nella stessa Costantinopoli. Nel 546, durante
uno dei suoi soggiorni nel monastero di Sice, la
polizia imperiale, in seguito alle sue denunce,
arrestò parecchi notabili, grammatici, sofisti,
medici, che furono condannati allo staffile e
catechizzati a viva forza. Uno di essi, il patrizio
Foca, si avvelenò prima dell'esecuzione; altri come
Asclepiodoro e il pretore Tommaso, furono messi a
morte. Nonostante questi rigori, a Costantinopoli il
paganesimo continuò a vivere, sebbene di nascosto.
Nel 562, la polizia sequestrò vari libri di magia ed
arrestò cinque sacerdoti pagani, dei quali uno di
Atene, due di Antiochia, due di Baalbeck: furono
mutilati, condotti in giro nudi su cammelli, ed i
loro libri furono bruciati su di una pubblica piazza
..>>( Pierre Chauvin, CHRONIQUES DES DERNIERS PAIENS).
giustamente ha scritto Ginette Paris: <<Dinanzi al
corpo torturato, sofferente, sanguinante e morificato
che la chiesa ci ha additato amodello, si e’ tentati
di recitare mo’ di preghiera i versi di Rimbaud: O
Venere, o dea! / Ricordo i tempi dell’antica
giovinezza, / dei satiri lascivi, dei fauni selvaggi,
/ erreri divini che mordevano d’amore la corteccia /
dei rami / e tra le ninfee baciavano la bionda
Ninfa!>>.
la scelta della data in cui e’ stato pronunciato
questo discorso non e’ da poco. nel medesimo 8
Gennaio, nel 1642 moriva Galileo Galilei.
anche Galileo Galilei, per la chiesa, rappresentava
una << perversione della gioia>> e viveva per << amore
della menzogna, della truffa>>.
saluti
francesco scanagatta







Chiacchiera con i tuoi amici in tempo reale!
http://it.yahoo.com/mail_it/foot/*http://it.messenger.yahoo.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl