Infertilità maschile: aumentano i rischi dopo i 35 anni

16/dic/2011 16.17.32 Maria Esposito Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il parere degli esperti è unanime: l’età avanzata è un fattore di rischio per uomini e donne intenzionati ad avere un figlio. È bene aiutarsi con una corretta alimentazione e sottoporsi a periodiche visite presso centri specializzati, tra cui il Centro Chemis.

A lanciare l’allarme è la rivista Obstetrician and Gynaecologist, sottolineando che la soglia d’età da non superare per evitare complicazioni ed assicurarsi una gravidanza senza rischi è 35 anni, per la donna ma anche e soprattutto per l’uomo.

Passat i 35 anni, infatti, aumentano di ben sei volte i rischi di incappare in problematiche durante la gravidanza, quali aborto spontaneo, preeclampsia o gravidanza ectopica, oltre alla probabilità più elevata di essere sottoposte ad un parto cesareo.

I problemi con l’avanzare dell’età aumentano anche per gli uomini. Per questi ultimi infatti, la capacità riproduttiva decresce a partire dal venticinquesimo anno d’età.

Se in passato si pensava erroneamente che le cause di una mancata gravidanza fossero da attribuire quasi sempre alla donna, gli studi in campo medico sono giunti alla conclusione che le cause sono da addebitare in egual misura ad entrambi i sessi.

Nonostante la presa di coscienza, tuttavia, si stima che il 90% degli uomini non ha l’abitudine di sottoporsi a visite urologiche di controllo. il che appare di grande rilevanza se si pensa che la maggior parte dei casi di infertilità maschile ha origine da patologie uro-genitali, che potrebbero recare gravi danni, qualora non venissero diagnosticati in tempo.

Molti i fattori di rischio che possono causare problemi di infertilità in un uomo. Alcuni comportano soltanto una temporanea impossibilità di procreare; tra questi:

  • Febbre: quando supera i 38,5° possono verificarsi casi di infertilità temporanea, dai 2 ai 6 mesi.

  • Trattamenti chirurgici: possono causare un temporaneo arresto della spermatogenesi, soprattutto se effettuati in anestesia totale.

Tra i fattori scatenanti un’infertilità permanente invece:

  • Terapie antitumorali

  • Infezioni urinarie: soprattutto se non curate in modo adeguato.

  • Malattie sessualmente trasmesse.

Queste sono solo alcune delle tante cause che possono comportare problemi di infertilità. L’individuazione dei reali motivi può avvenire esclusivamente attraverso un’accurata visita andrologica.

Uno dei centri medici in cui è possibile trovare un reparto specializzato in andrologia è il Centro Chemis: consulenza e visita andrologica, ecografia e doppler scrotale, tamponi uretrali, oltre a un team di validi esperti specializzati nella cura e nella prevenzione di disturbi andrologici.

Per prenotare una visita o per maggiori informazioni: Centro Chemis

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl