Un Natale di “Felicità” > Senigallia

19/dic/2011 19.44.05 "Amici di L. Ron Hubbard" Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

> Per augurare Buon Natale a tutti, i volontari “Amici di L. Ron Hubbard” del Dipartimento della Chiesa di Scientology delle Marche giovedì 22 dicembre alle ore 17, saranno presenti per le vie del centro a Senigallia per regalare la copia dell’opuscolo “La via della felicità”.
> Unito agli auguri di Buone Feste è anche un gesto di Buon Auspicio per il nuovo anno alle porte; i volontari hanno deciso di regalare ai cittadini questa piccola guida al buon senso in un mondo pieno di violenza e scarso di principi sepolti nel materialismo, che possa ridare fiducia nel prossimo e nelle proprie capacità per riprendere il piacere di vivere ed assaporare le
soddisfazioni e la felicità della vita.
> Tuttavia, agli inizi degli anni Ottanta, per usare le schiette parole di L. Ron Hubbard, il mondo era diventato una vera e propria giungla. I segni erano ovunque. “La cupidigia è l’unico Dio” fu un aforisma popolare di un’epoca nella quale si accumulavano indecenti fortune ricorrendo alla frode e alla manipolazione del mercato azionario. Se l’arte e lo spettacolo potevano essere stati un ritratto di quel momento, allora gli anni Ottanta segnavano l’inizio di un’era davvero spaventosa di fredda brutalità. Chi, poi, può dimenticare la violenza nei ghetti metropolitani che ha macchiato quel decennio, quando ragazzini di dodici, tredici anni si ammazzavano fra loro senza provare assolutamente alcun rimorso. Ed è sempre da quel periodo che è giunto l’eco agghiacciante della “violenza gratuita”.
> E fu proprio in considerazione di questo scenario privo d’ogni senso morale che L. Ron Hubbard presentò la sua opera, la via della felicità, nel 1981.“Da sempre e quasi ovunque, l’Umanità ha ammirato e rispettato profondamente certi valori. Questi valori sono chiamati virtù. Sono state attribuite ai saggi, agli uomini pii, ai santi e agli dei. Hanno determinato la differenza
tra un barbaro ed una persona colta, la differenza tra il caos ed una società decorosa.
> Non è assolutamente necessario un mandato divino, né una noiosa ricerca in grossi volumi di filosofia per scoprire che cosa sia “buono”. E’ possibile scoprirlo personalmente.
> Lo può fare praticamente chiunque.Se una persona pensasse a come vorrebbe essere trattata dagli altri, determinerebbe le virtù umane. Prova semplicemente a pensare a come vorresti che la gente trattasse te.” Questo punto è descritto al precetto numero venti dell’opuscolo che verrà
> consegnato giovedì come omaggio a Senigallia.
> Per info:
> Aiudi Renata 335 7864031
> 19 dicembre 2011
>

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl