CANE E PADRONE, LA COMPRENSIONE E' NELLO SGUARDO. Di Francesco Toti

CANE E PADRONE, LA COMPRENSIONE È NELLO SGUARDO.

Persone Francesco Toti
Argomenti zoologia

30/gen/2012 19.31.14 IP Report Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 Uno sguardo occhi negli occhi e l'attenzione del cane è tutta per il suo  padrone. Non è dunque solo il richiamo verbale quello che permette agli animali  di interpretare le intenzioni del loro interlocutore, anzi. Uno studio condotto  da József Topál e dai colleghi dell’Hungarian Academy of Sciences, pubblicato su  Current Biology, mostra che i cani, almeno quanto i bambini, sono più ricettivi  quando la comunicazione è introdotta da una richiesta di attenzione, come uno  sguardo negli occhi, che dimostri la chiara volontà di trasmettere un messaggio. 
 
 Continua 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl