CARNEVALE: Da Venezia a Vicenza i volontari della campagna Dico No Alla Droga distribuiscono migliaia di opuscoli di prevenzione.

CARNEVALE: Da Venezia a Vicenza i volontari della campagna Dico No Alla Droga distribuiscono migliaia di opuscoli di prevenzione.

Persone Ron Hubbard
Luoghi Venezia, Vicenza, Montecchio Maggiore
Argomenti commercio, pubblicità, medicina

21/feb/2012 18.41.52 Chiesa di Scientology di Padova Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Il Carnevale è un periodo di divertimento e di libertà, in cui storicamente ogni gerarchia decade per lasciare spazio alle maschere, al sorriso, allo scherzo e alla materialità. Mascherarsi rappresenta un modo attraverso il quale uscire dalla quotidianità, disfarsi dei propri freni e negare sé stessi per divenire altro. Proprio per questo motivo, l’assunzione di sostanze - alcol e droghe – vengono assunte ancora più liberamente.

 

Ispirati da quanto disse il filosofo e umanitario L. Ron Hubbard il quale affermò: “le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazioni che sono comunque l'unica ragione di vivere”, i volontari dell’associazione, hanno voluto abbinare al clima di festa, un argomento che coinvolge tanto i giovani quanto gli adulti: le droghe.

 

Per contrastare il dilagare della droga amplificando il messaggio, hanno partecipato al carnevale di Venezia e Montecchio Maggiore (Vicenza) vestiti in maschera con caricature che rappresentavano maschere raffiguranti persone bendate a causa di un incidente in stato di ebbrezza, da scheletro dopo l’assunzione di una pastiglia di ecstasy e conciati male, con occhiaie profonde per l’uso di marijuana. Sulle maschere c’erano anche slogan contrari all’uso di tali sostanze, e che contrastavano gli stessi slogan che normalmente vengono ripetuti da coloro che le vendono, sottolineando il fatto che uesti “venditori” MENTONO. Il tutto è stato supportato dalla distribuzione di migliaia di copie di opuscoli informativi.

 

Moltissimi sono stati i commenti da parte delle migliaia di persone contattate dai volontari: chi si è dimostrato completamente contrario alle droghe, chi in disaccordo con l’iniziativa per il fatto che la marijuana e alcol non rappresentano effettivamente un pericolo.

 

In ogni caso l’intento dei volontari, che era quello di fornire una corretta informazione, è stato raggiunto visti i migliaia di opuscoli consegnati direttamente nelle mani delle persone.

 

Chiunque desideri ottenere maggiori informazioni può visitare il sito www.noalladroga.it, www.drugfreeworld.org o cell. 3483332499.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl