Scientology in Italia: una confessione religiosa a tutti gli effetti

18/mar/2012 19.14.53 Chiesa di Scientology di Padova Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

In relazione alla religione di Scientology, fondata dal filosofo ed umanitario L. Ron Hubbard ci teniamo a far presente quanto segue:

Premesso che la Chiesa di Scientology Internazionale, Chiesa madre della confessione religiosa operante in tutto il modo, ha sede a Los Angeles ed è riconosciuta negli USA.

Sulla base del Trattato di Amicizia, Commercio e Navigazione concluso a Roma il 2 febbraio 1948, tra gli Stati Uniti d'America e l'Italia, e ratificato con legge 18 giugno 1949, n. 385,"le persone giuridiche ed associazioni create od organizzate a norma delle Leggi e dei regolamenti vigenti nei territori di ciascuna Altra Parte Contraente ed il loro stato giuridico sarà riconosciuto entro i territori dell'altra Parte Contraente sia che vi abbiano, o meno, filiali o agenzie permanenti".(art. 2, secondo comma).

La Chiesa di Scientology arriva in Italia nel 1974 e ad oggi ha 12 Chiese e 36 Missioni operanti nel territorio nazionale.

Se questo non fosse ancora sufficientemente chiaro, si ricorda che la Corte Costituzionale (sentenza n. 195/1993 per tutte) ha meglio esplicitato cosa sia una confessione religiosa in Italia in conformità alla nostra Carta Costituzionale (artt. 8, 19 e 20):

".In questa prospettiva tutte le confessioni religiose sono idonee a rappresentare gli interessi religiosi dei loro appartenenti. L'aver stipulato l'intesa prevista dall'art. 8, terzo comma, della Costituzione per regolare in modo speciale i rapporti con lo Stato non può quindi costituire l'elemento di discriminazione nell'applicazione di una disciplina, posta da una legge comune, volta ad agevolare l'esercizio di un diritto di libertà dei cittadini.

Invero, tutte le confessioni religiose sono - secondo il dettato dell'art. 8, primo comma, della Costituzione - egualmente libere davanti alla legge. A questo principio generale si aggiunge, nella disciplina del citato art. 8, l'affermazione del diritto delle confessioni di «organizzarsi secondo i propri statuti in quanto non contrastino con l'ordinamento giuridico italiano» (secondo comma), cui segue la facoltà di aver rapporti con lo Stato, da disciplinare per legge sulla base di intese con le rappresentanze delle confessioni organizzate (terzo comma)."

".Possono quindi sussistere confessioni religiose che non vogliono ricercare un'intesa con lo Stato, o pur volendola non l'abbiano ottenuta, ed anche confessioni religiose strutturate come semplici comunità di fedeli che non abbiano organizzazioni regolate da speciali statuti. Per tutte, anche quindi per queste ultime - ed è ipotesi certo più rara rispetto a quella della sola mancanza d'intesa - vale il principio dell'uguale libertà davanti alla legge".

La Corte d'Appello di Milano, sezione prima penale, con sentenza n. 4780 del 5 ottobre 2000 pone fine alla vicenda giudiziaria subita dalla Chiesa di Scientology confermando la sentenza di assoluzione del Tribunale di Milano del 1991 ed in ordine al quesito se Scientology è una confessione religiosa o meno, ritenuto necessario dalla Corte di Cassazione, afferma: "Questo giudice prende atto con la Suprema Corte che le prove acquisite non consentono di escludere la natura confessionale di Scientology suffragata dallo statuto e dal pubblico riconoscimento". A queste conclusioni la Corte d'Appello giunge sulla base di quanto affermato nelle due sentenze della Corte di Cassazione in una delle quali, quella dell'8 ottobre 1997, come riferisce la Corte d'Appello a pagina 28 si afferma che:"allo stato tale natura (di confessione religiosa) era attestata dai riconoscimenti pubblici e dallo statuto.

Non sono né il riconoscimento giuridico né l'intesa a rendere tale una confessione religiosa. Una confessione religiosa è tale per la sua dottrina, il suo credo ed i suoi contenuti. Non diventa confessione religiosa quando riceve il riconoscimento dallo Stato o con esso ratifica una intesa. La Chiesa cattolica esiste da più di duemila anni. Non è l'atto amministrativo di uno stato che l'ha resa una confessione religiosa.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl