L'Ospedale di Comunità di Firenze, bilancio di un innovativo modello sanitario assistenziale.

Romagna che, pur avendoli chiusi, li ha sostituiti con servizi

08/mar/2006 19.04.38 Luigi Sedita Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
Nel corso di Porta a Porta di martedi' 7 marzo e' emerso il problema della chiusura dei piccoli ospedali e giustamente il presidente Prodi ha citato il caso dell'Emilia Romagna che, pur avendoli chiusi,  li ha sostituiti con servizi complementari e integrativi dopo un opportuno confronto con la popolazione.  

A Firenze proprio alla fine del 2005 ho redatto il bilancio dei primi cinque anni dell'Ospedale di Comunita',  che e' stato attivato proprio nell’ambito del progetto regionale toscano di riconversione e recupero dei piccoli ospedali.

 L’Ospedale di Comunita' di Firenze, infatti, in Italia è stato il primo  a vedere la luce in un’area metropolitana di circa 800.000 abitanti e dopo 5 anni di attività ormai non solo è fortemente gradito alla popolazione, ma e' anche riconosciuto come una struttura caratterizzata da uno specifico e innovativo modello sanitario assistenziale.

Dato che il potenziamento delle strutture territoriali e' (almeno a parole) un obiettivo da tutti condiviso, ritengo che la conoscenza dell'esperienza ampiamente positiva di Firenze possa dare spunti utili  e possa essere di riferimento per chi dovra' occuparsi di riorganizzazione dei servizi sanitari. In tale contesto, infatti, assume una particolare valenza la riorganizzazione della rete integrata dei servizi socio-sanitari territoriali  per dare una risposta adeguata alla domanda di assistenza intermedia con prevalente valenza sanitaria che, al momento, o resta inevasa o con soluzioni inappropriate, specie per le persone anziane non assistibili a domicilio e in condizioni non così critiche da richiedere un ricovero ospedaliero “classico”.

Inviando cordiali saluti, allego la relazione nella versione pubblicata sulla rivista Panorama della Sanita' n. 2 del gennaio 2006 a pag. 34, 35, 36, 37 e 38.

Luigi Sedita

 

 
PS - Con l'ausilio di acrobat reader, l'articolo puo' essere visionato anche sul sito dell'Ordine dei Medici di Firenze sulla rivista Toscana Medica n. 2 del Febbraio 2006 a pag. 17, 18, 19, e 20. http://85.35.144.226/Testi/TM%202006/tm0206.pdf 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl