EFFETTO NIMBY SUL NORD-EST. Di Marco de' Francesco e Barbara Ganz

18/apr/2012 23.17.31 IP Report Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

CASI SIMBOLO. Ventuno centrali energetiche bloccate in Veneto, in Friuli l'autostrada Cimpello-Gemona sotto tiro, in Trentino a rischio la discarica di Vadena.

 Il quadro normativo, i ricorsi al Tar, le proteste ambientaliste. A bloccare lo sviluppo imprenditoriale non c'è solo il credit crunch, la crisi dei consumi o le difficoltà ad internazionalizzare; ci sono pesanti fattori endogeni che di fatto negano lo sviluppo delle aziende. Il fenomeno è più sottolineato e visibile in alcune aree del Paese rispetto ad altre. A Nordest la conclusione degli imprenditori è che quasi tutto, salva specifica autorizzazione, risulta vietato. «Un rischio grave – spiega il presidente di Confindustria Veneto, Andrea Tomat – soprattutto in un'area come questa, con tante Pmi alle prese con leggi complesse che non mettono in condizione di operare come avviene negli altri Paesi. L'alternativa è la desertificazione delle attività industriali». 

CONTINUA

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl