VITA SU MARTE? L'AVEVA SCOPERTA VIKING NEL 1976

18/apr/2012 23.44.29 IP Report Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Un modello matematico applicato a dati di oltre 30 anni fa sostiene la presenza di batteri sul Pianeta Rosso. E riaccende la polemica. 

 Qualcuno ritira fuori dei dati della Nasa di oltre 30 anni fa, li passa al setaccio con un modello matematico e trova le prove dell'esistenza di forme di vita su Marte. Con le dovute cautele sui risultati, è esattamente quello che è successo a Giorgio Bianciardi, chimico, biologo ed esperto di sistemi caotici, docente di Astrobiologia all'Università di Siena, che ha condotto uno studio insieme a nomi ben noti a chi è dell'ambiente: Joseph Miller, neurobiologo dell'Università della California nonché ex direttore del progetto Space Shuttle alla Nasa, e Gilbert Levin, uno dei pionieri della ricerca di vita sul Pianeta Rosso. 

 

CONTINUA

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl