BONUS BEBE' IN CADORE, ANCHE A COPPIE NON SPOSATE, IL SI' DELLA DIOCESI. Di Marco de' Francesco

20/apr/2012 00.35.01 IP Report Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

SANTO STEFANO DI CADORE - «Mica è colpa dei figli, se i genitori non si sposano». La pensa così monsignor Sergio Dalla Rosa, direttore dell'ufficio per la pastorale familiare della diocesi di Belluno-Feltre. Perciò l'iniziativa del parroco di Santo Stefano di Cadore (Belluno) don Diego Soravia, quel bonus bebè di 500 euro esteso anche alle coppie di fatto, non cozza con il messaggio della Chiesa. Almeno in senso lato. «I figli – continua Dalla Rosa – sono sempre una benedizione. Certo, la posizione della Chiesa resta quella del matrimonio come sacramento; ma oltre ai principi, ci sono le persone, quelle in carne ed ossa che vanno aiutate. Come ha fatto il Salvatore con i bisognosi. Insomma, don Soravia fa bene a fare quello che fa».

 

CONTINUA

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl