Infertilità: in Italia dilaga la disinformazione

30/apr/2012 10.15.50 Giulia Pirozzi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Oltre l'80% degli italiani ignora quali siano le cause dell'infertilità e circa il 48% non effettua visite specialistiche dell'apparato sessuale in maniera regolare. Sono questi i dati che emergono dalla ricerca voluta dall'Osservatorio Sociale sull'Infertilità.

 

Sono tutt'altro che confortanti i dati che emergono da una recente ricerca commissionata dall'Osservatorio Sociale sull'Infertilità (O.S.I.) al Laboratorio di Ricerca sulla Comunicazione Avanzata dell'Università “Carlo Bo” di Urbino.

 

Dall'analisi di un campione di 1.000 adulti di età compresa tra i 31 e i 60 anni è risultato che:

 

  • circa l'80% degli italiani ignora quali siano le cause dell'infertilità;

  • il 32% ritiene che l'uso della pillola come anticoncezionale sia dannoso per la fertilità femminile;

  • circa il 50% non sa se sia possibile prevenire la sterilità maschile;

  • solo il 34% ritiene che un'interruzione di gravidanza possa influire sulla fertilità femminile;

  • oltre il 48% degli italiani non effettua visite specialistiche dell'apparato sessuale in maniera regolare.

 

In altre parole, è spaventosamente elevato il livello di inconsapevolezza e disorientamento intorno all'argomento “sterilità”. E forse il dato che stupisce di più è che la disinformazione è diffusa più tra le donne che tra gli uomini.

 

Marina Mengarelli, sociologa, commenta così i risultati della ricerca effettuata da LaRiCa: “In Italia, purtroppo, la sterilità rimane un problema oscuro, di cui si ha una conoscenza approssimativa.”

 

E' necessario, pertanto, sensibilizzare gli italiani rispetto alle cause, le conseguenze e le cure dell'infertilità e della sterilità maschile e femminile. Il primo passo da compiere è far comprendere l'importanza di una visita specialistica volta ad accertare la propria condizione di fertilità.

Sono numerosi, in Italia, i presidi medici a cui rivolgersi. Uno tra questi il Centro Chemis delle sorelle Stefania e Mirella Iaccarino.

Il Centro Chemis è un presidio sanitario specializzato in Procreazione Medicalmente Assistita di I e II livello e ginecologia all'interno del quale si possano trovare una serie di profili professionali guidati da una grande attenzione al continuo aggiornamento scientifico e la volontà di perseguire con successo gli obiettivi.

 

Per maggiori informazioni sulle prestazioni del Centro Chemis consultare la seguente pagina.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl