SAFILO, ASSEMBLEA TESA A PADOVA. «PAGHIAMO ERRORI GESTIONALI». Di Marco de' Francesco

SAFILO, ASSEMBLEA TESA A PADOVA.

Persone Mario Siviero, Marco de' Francesco
Luoghi Padova, Longarone, Santa Maria di Sala, provincia di Belluno, provincia di Venezia
Argomenti lavoro, diritto commerciale, impresa

18/mag/2012 01.38.11 IP Report Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

PADOVA – Assemblea ad alta tensione ieri nella sede padovana della Safilo, dopo quelle degli stabilimenti di Longarone (Belluno, lunedì) e Santa Maria di Sala (Venezia, ieri l'altro). Sala mensa gremita, posti a sedere occupati e molta gente in piedi: in tutto fra 500 e 600 dipendenti, per lo più impiegati. «Un silenzio tombale – ha affermato Mario Siviero, segretario della Femca Cisl Veneto – mentre i sindacati spiegavano la situazione. Si respirava un'aria di forte preoccupazione». D'altra parte, dopo l'annuncio-choc dei mille esuberi (anche se la richiesta di mobilità è per ora congelata), che riguardano gli stabilimenti veneti del gruppo e che dipendono, secondo l'azienda, dalla perdita del marchio Armani (novembre 2011), forse non potrebbe essere altrimenti. Peraltro, non sono mancate critiche sull'organizzazione produttiva.

CONTINUA

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl