Civitavecchia: nuova madonnina piange, nuova denuncia di Telefono Antiplagio

Con la presente si denuncia quanto segue.

31/mar/2006 20.25.09 Telefono Antiplagio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

TELEFONO ANTIPLAGIO 338.8385999
Comitato italiano di volontariato in difesa delle vittime di ciarlatani
e santoni e contro gli abusi nelle telecomunicazioni e nei confronti dei
minori (dal 1994)
Alla c.a. PROCURA DELLA REPUBBLICA DI CIVITAVECCHIA -
procura.civitavecchia@giustizia.it
E p.c. CONGREGAZIONE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE - cdf@cfaith.va
Oggetto: MADONNINA CIVITAVECCHIA
Con la presente si denuncia quanto segue.
PREMESSO CHE
In data 30/3/06 alcuni ''media'' hanno diffuso la notizia che a Pantano
di Civitavecchia, luogo in cui 11 anni fa avrebbe pianto una statua
della Madonna di Medjugorie, un altro simulacro della Vergine, identico
al precedente e situato nella stessa nicchia, starebbe lacrimando olio
e/o soluzione salina.
Il nuovo ''fenomeno'' starebbe avvenendo nel giardino di proprieta'
della famiglia Gregori, la stessa che 11 anni fa fu interessata dalla
prima ''lacrimazione'' nel medesimo giardino.
I Gregori allora si rivolsero perfino alla Corte Costituzionale pur di
evitare il confronto del DNA. Se non avessero avuto nulla da nascondere,
non ci sarebbe stato motivo per non accettare la comparazione. Per
sgomberare ogni dubbio, l'esame poteva essere richiesto anche dalla
Commissione teologica istituita dal vescovo di Civitavecchia.
Suddetta Commissione, nelle dichiarazioni conclusive, non raggiunse
l'unanimita' sull'attestazione del miracolo.
L'arcivescovo di Genova, cardinale Tarcisio Bertone, ha rivelato che una
seconda Commissione teologica, istituita dal cardinale Camillo Ruini e
dall'allora Prefetto per la Congregazione per la Dottrina della Fede,
cardinale Joseph Ratzinger, si e' pronunciata con la seguente formula:
''Non consta la soprannaturalita' dell'evento''.
E' a nostra conoscenza che la famiglia Gregori, da quando la prima
scultura e' stata trasferita in chiesa, custodisce svariati simulacri
che ''piangono'', ''profumano'' ecc., mentre la figlia minore Jessica
sostiene di vedere la Madonna. In totale sarebbero gia' avvenute un
centinaio di apparizioni.
La nuova statua e' un regalo del cardinale Deskur, amico di Karol
Wojtyla, alla famiglia Gregori. A detta di Fabio Gregori, la scultura ha
iniziato a ''piangere'', guarda caso, mentre Giovanni Paolo II moriva.
In realta' Telefono Antiplagio, in data 1/2/05, ben due mesi prima della
morte del Papa, aveva presentato un esposto in cui denunciava queste
nuove ''lacrimazioni'' (v. www.antiplagio.org/civitavecchia.htm).
La vicenda sta dando luogo, proprio in concomitanza con il primo
anniversario della morte di Giovanni Paolo II, ad un andirivieni casa e
chiesa, di pellegrini che si spostano dall'abitazione dei Gregori alla
parrocchia di Pantano e a Piazza San Pietro.
CONSIDERATO CHE
Pantano e' l'unico luogo in cui, dopo le prime ''lacrimazioni'', si e'
parlato di santuari e terreni da comprare.
Mentre in altri posti lannuncio di una ''lacrimazione'' si e' sempre
rivelato un inganno, a Civitavecchia si e' voluto trasformare in miracolo.
Il fenomeno di Pantano e' avvenuto nel bel mezzo di una cinquantina di
lacrimazioni, a partire dal 1993 (Lazise, Assemini, Valverde, Salerno,
Subiaco, Castrovillari ecc.), tutte regolarmente smascherate. Fra tanti
inganni, quindi, la Madonna avrebbe compiuto un miracolo.
Telefono Antiplagio ha dimostrato piu' volte, con il proprio presidente
Alfredo Barrago, che non e' difficile far ''lacrimare'' una statua con
un trucco da illusionista, tant'e' vero che e' possibile ripeterlo.
Senza la consulenza di un esperto in trucchi ed illusioni, non si puo'
affermare che a Civitavecchia non ci sono inganni ne' frodi.
Non si vuole mettere sotto accusa il fatto che le persone credano. Pero'
riteniamo si debba vigilare su fenomeni il cui fine e' quello di abusare
della fede dei credenti e/o strumentalizzare la figura di Giovanni Paolo
II per motivi che esulano dall'aspetto religioso.
Determinati comportamenti ed affermazioni alimentano e strumentalizzano
la credulita' popolare e tendono a vilipendere la religione cattolica.
SI CHIEDE CORTESEMENTE ALLE SS.VV.
di avviare opportune indagini per verificare se, riguardo le vicende
summenzionate, possano essere rubricati illeciti di rilevanza penale e/o
comportamenti comunque reprensibili.
Si ringrazia anticipatamente e si inviano distinti saluti.
Cagliari, 31/3/06
Per Telefono Antiplagio, prof. Giovanni Panunzio (fondatore)
www.antiplagio.org/civitavecchia.htm - 338.8385999

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl