.._._notizie_dal_mondo_della_sanità_...

05/lug/2003 04.48.58 Luigi Sedita Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 cordialissimi saluti. Luigi Sedita
 
 
http://pro.dica33.it/news.asp?tipo=1&lettera=0&idref=33&aid=53616&sub_res=
 
A che servono le linee guida?

Il New England Medical Journal pubblica un’indagine della Rand Corporation che ha valutato l’adesione dei medici alle linee guida ufficiali. Gli stessi ricercatori si sono detti sorpresi della scoperta che soltanto il 54,9% dei pazienti adulti vengono trattati secondo i protocolli dal loro medico curante. Questo vale sia per le prescrizioni terapeutiche sia per quanto riguarda la diagnostica, per le patologie acute e quelle croniche. Qualche esempio: agli screening mammografici viene avviata soltanto la metà delle pazienti per le quali vi è l’indicazione, mentre sono soltanto il 56,1% gli ipertesi in forma lieve che vengono trattati adeguatamente. La situazione, comunque, non è omogenea: mentre per la cataratta senile l’adesione ai protocolli sfiora l’80%, per l’abuso di alcol ci si ferma al 10,5%. L’indagine è stata condotta su un campione di oltre 13.000 pazienti. Un po’ scontate conclusioni e commenti: servono sistemi informatizzati, oppure far crescere una diversa consapevolezza e via di questo passo.

MI
- (McGlynn et al. The Quality of Health Care Delivered to Adults in the United States. N Engl J Med 2003;348(26):2635-2645)

Antibiotici solo quando serve

È finito il tempo dell`antibiotico al primo accenno di raffreddore. A sancirlo le nuove linee guida emesse dall`American College of Physicians in collaborazione con l`American Society of Internal Medicine (ACP-ASIM). I medici, coinvolti nello studio, sostengono infatti che per la maggior parte delle infezioni del tratto respiratorio superiore, sia assolutamente inutile il ricorso alla terapia antibiotica, mentre risultano ben più efficaci comuni farmaci da banco o persino gargarismi d`acqua salata. L`abuso di antibiotici, dell`ultimo decennio in particolare, ha condotto infatti all`antibiotico resistenza. Come comportarsi quindi? Secondo le nuove linee guida dei due organismi americani, a fronte del 75% di prescrizioni antibiotiche ogni anno per infezioni respiratorie acute, il ricorso a questa terapia è opportuno solo in caso di sinusiti o mal di gola, di origine virale accertata.
M.M.

Annals of Internal Medicine 2001;134:479-486

Internet e salute: una nuova alleanza

Nel numero del 10 gennaio di Business Week la parte dedicata alle scienze della vita ospita un interessante articolo di Ellen Licking relativo ai problemi della sanità statunitense ed alle loro soluzioni: l`esaurimento dei risparmi possibili con la competizione guidata ha aperto, infatti, la strada ad una nuova spirale di aumento dei costi sanitari, tanto che per il 2000 si ipotizzano aumenti di spesa nell`ordine del 6/7%. La possibilità di controllare i costi pare sempre più lontana mentre è sempre più impellente il problema di finanziare gli aumenti previsti. Una strada per razionalizzare il sistema è quella di restituire ai medici parte del potere decisionale perduto negli anni della "competizione guidata". Un`altra è quella di usare intensamente le possibilità offerte dalla "E-Health", ossia dall`uso massiccio della Rete, che è in grado di abbattere quel 18% di costi amministrativi che da sempre affligge la medicina d`oltreoceano. Ma l`uso della rete non si ferma qui: oltre alla trasmissione elettronica delle ricette e delle parcelle c`è già chi sta lavorando a veri e propri programmi di "disease management" forniti in Rete. L`uso della Rete nel campo sanitario è un campo ancora relativamente poco esplorato, e può costituire una risposta valida al problema di migliorare l`efficienza dei sistemi sanitari

Busines Week 2000; - A cura di Giulio Marcon (Coordinatore Commissione Internet Società Italiana di Medicina Interna)

Colpa del medico e morte del paziente - La Cassazione chiarisce il nesso di causalità

La Corte di Cassazione, sezione penale IV con sentenza n.1354, ha stabilito che l'accertamento del nesso causale tra la condotta omissiva contestata ad un medico e il decesso del paziente deve presupporre l'esatta individuazione della causa di morte del paziente stesso. Secondo la Cassazione  solo nel caso in cui  si è individuata con certezza la causa del decesso è possibile valutare se la condotta omessa avrebbe potuto evitare l'evento. Di conseguenza il giudice non potrà quindi porsi il problema del nesso causale se prima non ha acquisito con certezza la causa della morte.

La sanità del futuro secondo Veronesi - Passeremo dal Welfare state alla Welfare community

L'ex ministro della Salute Umberto Veronesi ha delineato i capisaldi della sanità del futuro. Innanzitutto, ha spiegato, "ci sarà una progressiva differenziazione tra mondo della diagnostica e mondo della terapia". Passando dal Welfare state alla Welfare community, infatti, la diagnostica dovrà essere campo d'azione del cittadino, invitato a "sottoporsi a controlli periodici e a opportuni programmi di screening" mentre la terapia rimarrà compito dello Stato. Il quale dovrà però garantire alla popolazione "centri diagnostici sotto casa", così da responsabilizzare ognuno alla prevenzione.

Rivoluzione completa anche per gli ospedali. Che, 'alleggeriti' dal peso della diagnostica, secondo Veronesi dovranno cambiare volto, "diventando sempre più piccoli e tecnologici, con un numero di letti ridotti a un quinto, degenze minime e attività di formazione e ricerca". Perciò "serviranno ovviamente strutture residenziali vicine all'ospedale, in cui trasferire il paziente dopo due giorni di ricovero spendendo 100mila vecchie lire al giorno invece di un milione". Strutture alberghiere che ormai sono "la norma in tutto il mondo, ma che in Italia praticamente non esistono", ha concluso Veronesi.

e-news@doctornews.it

Medici in formazione - Specializzandi, ennesima beffa

Si e' consumata oggi l'ennesima beffa ai danni dei 25.000 medici specializzandi. Lo afferma, in una nota, Augusto Battaglia, capogruppo Ds in Commissione Affari sociali. "La maggioranza - spiega Battaglia - aveva concordato una mozione unitaria, che impegna il governo a mettere in bilancio le risorse per la stipula dei contratti di formazione e lavoro. Ma, al momento del voto, abbiamo assistito all'ennesimo voltafaccia: il governo non si e' presentato in Aula, la maggioranza ha chiesto l'inversione dell'ordine del giorno e poi ha fatto venir meno il numero legale. E' sempre più evidente - commenta - che la Casa delle libertà non e' più in grado di mantenere alcun impegno e dimostra ogni giorno di più di essere una compagine inaffidabile".

Specializzandi - Riforma approvata ma "gradualmente"

''Dopo un lungo iter, finalmente la Camera dei deputati ha votato una mozione presentata dalla maggioranza che da' pratica attuazione alla legge 368/1999 sulla trasformazione delle borse di studio in contratti di formazione lavoro per i medici specializzandi''. Lo sottolinea, in una nota, Domenico Di Virgilio (FI), commentando l'approvazione dell'Aula di una risoluzione che impegna il governo ''a prevedere, a partire dalla legge finanziaria 2004 e gia' con il prossimo Dpef, d'intesa con la Conferenza Stato-Regioni, risorse finanziarie adeguate per gli specializzandi''. Di diverso avviso il deputato dei Ds Pietro Maurandi che definisce ''una beffa e un danno'' l'approvazione alla Camera della mozione del centrodestra che ''elude ancora una volta il problema dei medici specializzandi''. La Camera, conclude il deputato dell'opposizione, ha bocciato la mozione del centrosinistra (inizialmente firmata anche dai gruppi di maggioranza) approvando invece quella del centrodestra, che, aggiungendo il termine ''gradualmente'', potra' permettere al Governo di non trovare subito le risorse nella prossima Finanziaria per trasformare le borse di studio dei medici specializzandi in contratti di formazione lavoro.

Informatori scientifici: Niente più visite ai medici durante l'orario riservato ai pazienti

Innanzi tutto niente più visite ai medici durante l'orario riservato ai pazienti, questa una delle novità previste della bozza del decreto di riforma sulla informazione scientifica. Le novità non si fermano all'orario di visita degli informatori, sono previsti, infatti, anche importanti cambiamenti per l'attività promozionale permessa alle aziende farmaceutiche. Paletti rigidi su campioni farmaceutici gratuiti (massimo 10 a medico e solo nell'anno di lancio del farmaco) e gadget (valore massimo 20 euro/anno a medico). Inoltre gli  informatori scientifici saranno gerarchicamente svincolati dal marketing e risponderanno solamente alla direzione medical.

Politica Farmaceutica: Giovedì nuovo incontro tra Sirchia e Tremonti (3.7.2003)

Sono numerose le misure sulla farmaceutica, che dovrebbero essere in dirittura d'arrivo dopo settimane di confronto serrato fra ministero dell'Economia, ministero della Salute e Regioni. Innanzitutto, l'Agenzia nazionale per i farmaci, che nascerà il 2 gennaio 2004, con competenze sui Livelli essenziali di assistenza farmaceutica, monitoraggio dei consumi, verifica della spesa ogni sei mesi, taglio dei prezzi e 'cancellazione' dei medicinali dalla fascia a carico del SSN in caso di sfondamento del tetto. Rimane ancora da sciogliere il nodo della guida dell'Agenzia, che potrebbe essere affidata all'Economia e alla Salute o solo a quest'ultimo ministero e la questione dei crediti dimezzati per i corsi sponsorizzati dalle aziende.

Sirchia, 'Make the doctor happy', se vuoi che la sanita' funzioni bene

''Il medico - sottolinea Sirchia - e' alla base del successo della sanita' italiana. La fiducia della popolazione verso questa figura e' indubbia, anche se si e' un po' incrinata nel recente passato, per qualche invadenza di campo e alcuni scandali che hanno turbato l'opinione pubblica. Per questo, insieme alla Federazione degli Ordini, dobbiamo intraprendere un percorso comune per riqualificare e rimotivare i medici e riportarli al centro della sanita'. 'Make the doctor happy', se vuoi che la sanita' funzioni bene: e' uno slogan americano che condivido''. ''Nessuna preclusione'', ci tiene a precisare il ministro, nei confronti dei sindacati, con cui ''si tratta sulle materie di loro competenza''.

L'accordo in 13 punti

Questi i tredici obiettivi su cui lavoreranno insieme ministero della Salute e Federazione degli Ordini dei medici:

Garantire ai cittadini maggiore equita' negli accessi ai servizi e maggiore appropriatezza e qualita' delle cure.
Partecipare all'attuazione del Progetto per la salute 2003-05
Assicurare un maggior ruolo decisionale dei medici nell'organizzazione e nelle scelte aziendali e nel governo delle attivita' cliniche, con maggiori poteri, liberta' e responsabilita'.
Sollecitare il varo della legge sul riordino delle professioni intellettuali
Definire con criteri certi il fabbisogno di operatori, il riordino delle specializzazioni e della rete formativa ospedaliera, la formazione di base del medico del futuro.
Sviluppare iniziative e progetti per l'aggiornamento costante dei medici sulle innovazioni tecnologiche e terapeutiche. Garantire la trasparenza e l'indipendenza dei processi formativi.
Migliorare la comunicazione ai cittadini sul ruolo del medico nel servizio pubblico.
Valorizzare il rapporto tra medico e paziente e l'etica della professione.
Aumentare la disponibilita' dei medici all'ascolto dei pazienti e delle loro associazioni.
Affrontare il problema della 'malpractice', con iniziative sperimentali di arbitrato conciliativo e modifiche legislative.
Migliorare l'informazione medico scientifica, in particolare la regolamentazione dei conflitti di interesse.
Risolvere i problemi sulla libera circolazione dei professionisti in Europa e sull'attuazione delle normative comunitarie, comprese quelle sulla formazione complementare in medicina generale.
Garantire il rispetto della privacy nel sistema sanitario tutelando allo stesso tempo il paziente e semplificando le procedure che rischiano di ostacolare il corretto rapporto medico-paziente.

----
Email.it, the professional e-mail, gratis per te: clicca qui

Sponsor:
Metti il turbo alla tua casella di posta: 100 MB per inviare e ricevere tutto quello che vuoi. Clicca qui
Clicca qui

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl