Israele, nazismo e Antiplagio

Israele, nazismo e AntiplagioDa www.canisciolti.info del 20/8/06A proposito dell'inserzione a pagamento dell'Unione delle Comunità ed OrganizzazioniIslamiche su Israele e il nazismo, non va dimenticato che tra il 1941 edil 1942, quando giunsero notizie sui massacri, sull uso di gas venefici esulla produzione di sapone dai cadaveri da parte dei nazisti, la tendenzagenerale fu quella di non crederci; tale scetticismo pervase purtroppo ancheil mondo ebraico americano, inglese e palestinese, convinto che le notizievenissero ingigantite per denigrare i tedeschi.

21/ago/2006 00.30.00 Telefono Antiplagio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Da www.canisciolti.info del 20/8/06
A proposito dell'inserzione a pagamento dell'Unione delle Comunità ed OrganizzazioniIslamiche su Israele e il nazismo, non va dimenticato che tra il 1941 edil 1942, quando giunsero notizie sui massacri, sull’uso di gas venefici esulla produzione di sapone dai cadaveri da parte dei nazisti, la tendenzagenerale fu quella di non crederci; tale scetticismo pervase purtroppo ancheil mondo ebraico americano, inglese e palestinese, convinto che le notizievenissero ingigantite per denigrare i tedeschi.

Il ricco e pavido movimento sionista, da non confondere con l’intero popoloebraico, in quel periodo era impegnato ad elaborare progetti per il dopoguerra,anziché prestare attenzione alla salvezza dei connazionali poveri e perseguitati.La penetrazione del pensiero e del partito nazista si è realizzata propriocon i finanziamenti di banche gestite da ebrei; l’alta finanza della Germaniaera tutta nelle mani degli ebrei, così come, sia allora che oggi, le bancheinglesi e statunitensi: Rothschild, Lazard, Lehman, Warburg, Goldschmidt,Stein.

Uno dei più grossi benefici che l’aristocrazia sionista ha ricavato dallesue complicità con Hitler è stato che da allora essa riesce a nascondersidietro il ricordo del mostruoso sterminio dei fratelli ebrei per condurrele più sordide operazioni: traffico di droga, terrorismo, genocidio dellepopolazioni arabe. Hitler, per conquistare il potere, negli anni 1929-33spese ben 32 milioni di dollari, alcuni dei quali ottenuti dalla famigliaisraelita dei Bleichroeder, tramite la Banca Commerciale Italiana; pure labanca americana AEG partecipò, con 60.000 marchi-oro, al fondo elettoraledel partito nazionalsocialista e i banchieri Oppenheim furono i principalisostenitori finanziari di Hitler.

La maggior parte dei più stretti collaboratori di Hitler era di nazionalitàebraica: senza l’aiuto di ebrei nel lavoro amministrativo e poliziesco itedeschi avrebbero dovuto distogliere troppi uomini dal fronte. E' peggiocombattere contro un popolo o contro il proprio popolo? Se dobbiamo direla verità, perché non dirla tutta? Siamo sicuri che la politica aggressivadi Olmert sia condivisa dal popolo israeliano e che non stia facendo piùdanni agli ebrei che ai musulmani? Vi invito a leggere www.antiplagio.org/gliebreielachiesa.htm.

Prof. Giovanni Panunzio, insegnante di religione
telefono@antiplagio.org
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl