Antiplagio denuncia: colliri e prodotti omeopatici non sono testati

Antiplagio denuncia: colliri e prodotti omeopatici non sono testatiTELEFONO ANTIPLAGIO 338.8385999 - COMUNICATO STAMPACome è noto, il 28/9 u.s. l'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha comunicatodi aver disposto il ritiro dal commercio di due colliri omeopatici, a seguitodi una segnalazione di farmacovigilanza relativa all insorgenza di una graveinfezione del bulbo oculare.

02/ott/2006 01.00.00 Telefono Antiplagio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
TELEFONO ANTIPLAGIO 338.8385999 - COMUNICATO STAMPA
Come è noto, il 28/9 u.s. l'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha comunicatodi aver disposto il ritiro dal commercio di due colliri omeopatici, a seguitodi una segnalazione di farmacovigilanza relativa all’insorgenza di una graveinfezione del bulbo oculare. Mentre sono in corso indagini per accertarela sicurezza e sterilità dei prodotti sequestrati, a Telefono Antiplagioè giunta una segnalazione che denuncia che i colliri in questione, così cometutti i prodotti omeopatici, non sono sottoposti a sperimentazione. E' inconcepibile,per un Paese civile, che di certe sostanze vendute regolarmente in farmacianon venga accertata la validità terapeutica prima della commercializzazione;così come è inconcepibile che la loro eventuale efficacia sia sperimentata,a pagamento, direttamente sui cittadini-cavia. Telefono Antiplagio rivolgeun appello all'AIFA e al Ministro della Salute affinché tutti i prodottivenduti per curare i cittadini vengano puntualmente sottoposti a sperimentazionee non godano, come accade per l'omeopatia, di un'incomprensibile immunità.Il caso dei colliri sequestrati dimostra che il problema non è da sottovalutare.
Ufficio Stampa Antiplagio 338.8385999 - www.antiplagio.eu
Prof. Giovanni Panunzio, coord. naz.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl