[COMUNICATO STAMPA] Brescia: pioggia di piombo

[COMUNICATO STAMPA] Brescia: pioggia di piombo[COMUNICATO STAMPA]BRESCIA: PIOGGIA DI PIOMBONUOVA INIZIATIVA DELLA CAMPAGNA "CACCIA IL CACCIATORE"10 ottobre 2006Il Progetto "BRESCIA: PIOGGIA DI PIOMBO" si inserisce all'interno della campagna "CACCIA IL CACCIATORE".

10/ott/2006 01.00.00 Caccia il Cacciatore Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
[COMUNICATO STAMPA]
BRESCIA: PIOGGIA DI PIOMBO
NUOVA INIZIATIVA DELLA CAMPAGNA "CACCIA IL CACCIATORE"
10 ottobre 2006


Il Progetto "BRESCIA: PIOGGIA DI PIOMBO" si inserisce all'interno della campagna "CACCIA IL CACCIATORE". L'attivit venatoria in Provincia di Brescia praticata da un numero enorme di cacciatori, ampiamente finanziata con soldi pubblici ed supportata dal Giornale di Brescia che offre spazio periodicamente alla Federcaccia con la rubrica "Cacciapensieri".

Nonostante le ampie possibilit di cacciare in maniera legale, il bracconaggio "enormemente" diffuso. Secondo varie opinioni, tra cui quelle dello stesso Giornale di Brescia, queste incredibili forme di bracconaggio derivano dalle richieste di vari ristoranti specializzati in selvaggina. La maggior parte dei capi abbattuti dai bracconieri, infatti, vanno a rifornire le celle frigorifere dei ristoranti!

Oltre alla naturale pericolosit dell'attivit venatoria, nel bresciano si aggiungono i pericoli dei bracconieri per le persone e, soprattutto, per i pubblici funzionari che sono stati pi volte aggrediti e minacciati. Le uniche volte in cui le amministrazioni pubbliche si sono esposte pubblicamente contro i bracconieri sono state le volte in cui, direttamente o indirettamente, si sono verificati rischi per il turismo. Per questo si ritiene necessario attivare un PROGETTO ITALO-TEDESCO DI BOICOTTAGGIO TURISTICO E DI SENSIBILIZZAZIONE PUBBLICA in collaborazione con associazioni di volontariato, associazioni consumatori, tour operator, associazioni per il TURISMO RESPONSABILE. Il progetto, inoltre, sostiene in parallelo, i campi anti-bracconaggio organizzati periodicamente dalla LAC (Lega Anti-Caccia) e pubblicizza operatori del settore locali che scelgono di contrastare l'attuale sistema di ristorazione basato sull'illegalit del bracconaggio e sulla pericolosit dell'attivit vena!
toria.

Citiamo alcuni reati accertati: mancato rispetto delle distanze da case e strade, detenzioni di trappole, abbattimento di animali protetti, utilizzo di metodologie di caccia illecite, mancato rispetto delle previste annotazioni sui documenti di caccia e utilizzo irresponsabile delle armi. L'illegalit, infatti, non riguarda soltanto l'impatto sulla fauna ma strettamente legato a forme violente e pericolose verso le altre persone in generale e gli addetti ai controlli in particolare. Purtroppo, ribadiamo, le uniche volte in cui le amministrazioni pubbliche si espongono pubblicamente contro i bracconieri sono le volte in cui, direttamente o indirettamente, si verificano rischi per il turismo.

"Secondo i dati relativi alla nazionalit dei turisti" dichiara Massimo Tettamanti, responsabile legale dell'Associazione Familiari e Vittime della Caccia "circa il 50% dei turisti sono di nazionalit italiana mentre il 20-30% sono turisti provenienti dalla Germania". Per questo la suddetta Associazione ha ritenuto necessario attivare un progetto italo-tedesco di boicottaggio turistico in collaborazione con tutti coloro che intendono sostenere un turismo responsabile e che ritengono importante contrastare il bracconaggio.
"Aiutateci a portare avanti il progetto", dichiara ancora il Responsabile Legale, "Aiutateci a combattere questa attivit illegale, pericolosa per l'uomo e dannosa per l'ecosistema, indirettamente difesa dal mondo venatorio legale quando questo attacca i controlli preposti al rispetto delle normative, condivisa e sponsorizzata dal mondo della ristorazione bresciana. Abbiamo bisogno del vostro aiuto".

Per informazioni:
www.cacciailcacciatore.org - info@cacciailcacciatore.org
3356716494 (da non pubblicare)

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl