AIUTO O IMBROGLIO?

12/gen/2014 17.17.09 "Amici di L. Ron Hubbard" Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La maggior parte degli studi a supporto dell'origine organica di ADHD (o di qualsiasi altro cosiddetto disturbo mentale) sono basati su statistiche che proverebbero (il condizionale è d'obbligo) una correlazione tra una causa organica con un certo tipo di disturbo mentale (che altro non è se non la catalogazione di un certo tipo di comportamento umano).
Una correlazione (il fatto che due eventi appaiano statisticamente collegati tra di loro) non è una dimostrazione di rapporto causa-effetto.
La bufala più famosa riguarda uno studio fatto durante la II Guerra Mondiale circa l'accuratezza dei bombardamenti. Lo studio dimostrava una forte correlazione tra la presenza di fuoco di contraerea e l'accuratezza dei bombardamenti. Abbondavano le spiegazioni pseudoscientifiche: "I nostri piloti sono coraggiosissimi e sono più motivati in presenza di fuoco nemico" oppure "Il fuoco nemico è uno stimolo per il pilota che, per sopravvivere, deve centrare il bersaglio".
Un ufficiale del Servizio Meteo scoppiò letteralmente dalle risate quando lo studio capitò sulla sua scrivania. La VERA correlazione era con le condizioni meteo: in presenza di nuvole i piloti non vedevano bene i bersagli e,viceversa, la contraerea non vedeva i bombardieri, mentre col cielo sereno entrambi ci vedevano bene, ed entrambi tiravano meglio.In medicina, per esempio, uno studio che dimostri una forte correlazione tra 
mani grandi e piedi grandi non proverebbe che le mani grandi causano grandi piedi (o viceversa).
Perché una correlazione possa avere valore scientifico, occorre che TUTTE le variabili in gioco siano conosciute e sotto controllo. Nell'esempio di prima la variabile ignota erano le condizioni meteo.
Ebbene, il funzionamento del cervello e la genetica sono due soggetti sui quali il nostro livello di comprensione è ancora minimo: ci sono dunque un'enormità di fattori sconosciuti e, paradossalmente, con più studiamo questi soggetti con più diventano complessi.
Per non parlare della psichiatria: i disturbi mentali sono definiti in base a comportamenti e pensieri del paziente, ma c'è un'infinità di fattori che possono causare comportamenti e pensieri: socio-culturali, generazionali, personali ecc.
Per stabilire dunque una correlazione tra genetica e disturbo mentale bisognerebbe potere escludere qualsiasi tipo di altra causa, mentre la quantità di fattori ignoti e incontrollati in queste statistiche è enorme: e si finisce col sostenere che i bombardieri lavorano meglio quando gli si spara contro.
Per informare riguardo all’abuso degli psicofarmaci i volontari “Amici di 
L. Ron Hubbard” questa settimana consegneranno presso gli studi medici di Marotta e Senigallia il DVD documentario DSM (Manuale Diagnostico Statistico).
Per info:
Aiudi Renata 335 7864031
10 gennaio 2014

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl