Fw: leggibili le motivazioni della sentenza del processo Imi-Sir Lodo Mondadori - Forza Italia: "Commissione sui magistrati eversori"

se poi, ripeto, credo che senza un pm come la Boccassini sarebbe stato più

07/ago/2003 23.00.30 Luigi Sedita Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Cari amici,
per coloro che non sono mossi da pregiudizi e amano l'approfondimento, insieme a Di Pietro consiglio di leggere le motivazioni della sentenza del processo Imi-Sir Lodo Mondadori, redatte, checche' se ne voglia dire, da un tribunale della Repubblica Italiana.
Indubbiamente il testo integrale accessibile e scaricabile sul sito dell'Italia dei Valori o sul sito di Repubblica risulta una sana e istruttiva lettura.
 http://www.antoniodipietro.it/new/imi_sir.php    http://www.repubblica.it/speciale/2003/previti/previti.html
Intestazione
Indice
La vicenda processuale Imi-Sir (Parte I) pagg. 1-91
La vicenda processuale Imi-Sir (Parte II) pagg. 91-171
La causa civile in sede di impugnazione del c.d. "Lodo Mondadori"  pagg. 172-233
Il versante occulto delle cause civili, ovvero i rapporti fra gli imputati pagg. 234-372
Le movimentazioni finanziarie riconducibili alla vicenda Imi-Sir pagg. 374-488
Le disponibilità finanziarie del giudice Vittorio Metta a partire dall'anno 1990 pagg. 489-536
 
Cordialissimi saluti.
Luigi Sedita
 
***********************************************************************************************************************************
 
Sent: Thursday, August 07, 2003 12:20 PM
Subject: Messaggio dal Movimento Antonio Di Pietro

Insieme con Di Pietro
 ------------------------------------------------------------------
 
Cari amici,
 in questi giorni sono state rese pubbliche le motivazioni della sentenza del processo Imi-Sir Lodo Mondadori. 
Per conoscere la verità dei fatti,  rendersi conto di tutte le bugie che fino ad oggi Silvio Berlusconi ha propinato agli italiani e per scuotere tutte le coscienze, anche noi dell'Italia dei Valori, abbiamo deciso di contribuire a pubblicizzare questi atti. 
Per chiunque fosse interessato a leggere le motivazioni del processo può cliccare sulla nostra home page (
www.antoniodipietro.it) dove c'è una sezione dedicata a questi documenti, che possono essere consultati e scaricati in versione pdf.
  Io vi consiglio caldamente di leggerli, così avrete una nuova prova che il nostro lavoro ed il nostro impegno civico sono necessari per ristabilire una Giustizia sempre più minacciata da quei personaggi che oggi sono a capo del Governo.
 
Antonio Di Pietro 
Presidente IDV
 

Sito internet :
www.antoniodipietro.it
 
Via Milano 14 - 21052 Busto Arsizio (VA)
Tel. 0331/624412 - Fax 0331/624783
 Via dei Prefetti 17 - 00186 Roma
 
Tel. 06/6840721 - Fax 06/68132711
 
segreteria@antoniodipietro.it
italiadeivalori@antoniodipietro.it
************************************************************************************************************************************
 
Forza Italia: "Commissione sui magistrati eversori"
All'indomani della pubblicazione della sentenza su Previti, il portavoce forzista Bondi annuncia la richiesta di indagine parlamentare su "un'associazione a delinquere per sovvertire le istituzioni"
******************************************************************************************************
 
http://www.unita.it/index.asp?SEZIONE_COD=ARKINT&TOPIC_TIPO=I&TOPIC_ID=27898
 
La Ariosto: «Visto? Avevo detto la verità»

MILANO Le hanno dato della pazza, della mitomane, il presidente del Consiglio ha fatto cenni sprezzanti alla sua famiglia davanti alle telecamere. Eppure Stefania Ariosto, il testimone Omega dell’affaire Previti, viene spesso citata dai giudici del tribunale di Milano che hanno scritto la sentenza di condanna, perché le sue dichiarazioni hanno trovato riscontri oggettivi.
Signora Ariosto, qual è stato il suo primo pensiero dopo aver saputo che anche le motivazioni di questa sentenza citano situazioni da lei descritte sin dai primi momenti della sua testimonianza?
«Prima di tutto, come è sempre stato ad ogni passaggio importante di questi anni, il mio pensiero è andato a Ilda Boccassini, perché se quel pubblico ministero non avesse saputo condurre le indagini con tanta professionalità e tenacia, forse oggi io mi troverei in galera o... peggio».
E invece in un passaggio anche ironico della sentenza si legge: “...se, come afferma con vigore l'imputato, l’Ariosto è un impostora anche quando afferma d’essere stata ospite nella casa di via Cicerone e di avervi incontrato magistrati, ella dispone di notevoli capacità medianiche o è, più semplicemente, baciata dalla fortuna, poiché tutti i giudici da lei indicati hanno, bene o male, confermato la loro frequentazione di casa Previti”. Che effetto le fa?
«Ah, visto? Mi viene da dire che io non avevo dubbi, per il semplice fatto che io ho sempre e solo raccontato cose vere e genuine, anche se poi, ripeto, credo che senza un pm come la Boccassini sarebbe stato più difficile sostenere queste cose».
 
Gerardo D’ambrosio, ex procuratore capo della Procura di Milano: Oggi il nemico è il magistrato non il corrotto

«Quando si parla di riforma dell’ordinamento giudiziario presentadola come una minaccia per la magistratura e non come un progetto di riorganizzazione per render e più rapida la giustizia, non si può sperare che il fenomeno corruttivo si plachi». Gerardo D’ambrosio, ex procuratore capo della Procura di Milano, non si stupisce di fronte ai dati emersi dall’inchiesta commissionata da Confesercenti.
Guarda agli ultimi sviluppi della guerra alle «toghe rosse», come le chiama il premier Silvio Berlusconi, ed ai ripetuti avvisi di nuovi attacchi autunnali, come ad una conferma ulteriore del sovvertimento delle regole. «Se il governo attacca i magistrati, soprattutto quelli che perseguono i reati contro la pubblica amministrazione, tutti si sentono autorizzati, in qualche modo, ad abbassare l’attenzione e la tensione verso fenomeni come quello della corruzione che ai tempi di Mani pulite aveva fatto dire basta agli stessi imprenditori», dice.
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl