Case ed economia nel 2015

30/mar/2014 16:01:26 ange Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Mai come quest’ultimo ventennio vi erano stati tanti cambiamenti e il mondo della casa non poteva restare indenne da tutto ciò.
L’avanzare incessante, prepotente e sempre più veloce della tecnologia, sta portando ad una esasperata accelerazione dei tempi che incide positivamente sui processi di crescita dei Paesi, ma negativamente su quelli dell’uomo.
Così, se nei quarant’anni seguenti la seconda guerra mondiale si poteva notare una crescita lenta ma costante della ricchezza delle famiglie (positivamente influenzata dalla atavica propensione al risparmio) anche a scapito della ricchezza dello Stato, nel ventennio seguente, quello che ci riguarda, l’inversione di marcia è stata graduale ma netta, traghettando la famiglia media italiana verso un lento quanto (per ora) irreversibile declino economico.
E prova ne è (se mai vi fosse bisogno di una prova) che in cinque anni i costi delle case romane (ma non solo) sono quasi quintuplicati, con una crescita abnorme quanto ingiustificata, che fa presagire un futuro di difficoltà dovuto alla perdita costante del potere di acquisto della moneta.
Con queste considerazioni, tutt’altro che edificanti, ci accingiamo ad aprire il nuovo anno.
Ma siccome “l’anno che verrà” è, come sempre, tutto da scoprire e l’uomo, per sua natura è ottimista, siamo certi che tutto andrà bene, che chi non ha lavoro lo troverà, chi invece lo ha guadagnerà di più, che tutto (comunque) si aggiusterà e che la gioia e la felicità ci accompagneranno fino al prossimo 31 Dicembre.
Speriamo che non sia solo un augurio!

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl