Sostegno a distanza: i progetti delle associazioni umanitarie

10/apr/2014 15.39.29 antonio guastalla Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La fame nel mondo è una triste realtà della nostra epoca che colpisce soprattutto i bambini. Nonostante i grandi sforzi delle istituzioni, i bambini che muoiono di fame o che soffrono di denutrizione sono ancora parecchi, specialmente nei Paesi in via di sviluppo come quelli dell’Africa. Il sostegno a distanza quindi diviene fondamentale e permette di migliorare in modo concreto la vita di un bambino, quella della sua famiglia e della comunità in cui vive con la tutela di alcuni diritti fondamentali.

Le associazioni umanitarie hanno il compito di garantire diritti fondamentali ai bambini come quello dell’alimentazione.  L’obiettivo è quello di garantire pasti completi ai bambini e di fornire alle famiglie più bisognose i prodotti alimentari di base. Con queste iniziative si cerca di prevenire la denutrizione e la malnutrizione.  Offriamo ai bambini assistenza medica e cure riabilitative di ogni tipo. Un’attenzione particolare è rivolta ai bambini affetti da HIV/AIDS o portatori di handicap. Oltre all’alimentazione l’obiettivo di queste associazioni è quello di assicurare  l’accesso alla formazione scolastica e professionale.

I progetti umanitari tutelano bambini e ragazzi da ogni forma di abbandono, sfruttamento o violenza (lavoro minorile, abusi); garantiamo loro supporto psicologico e favoriscono il reinserimento famigliare e sociale. Quello che si cerca di preservare è il diritto al gioco e al tempo libero che un aspetto fondamentale per l’infanzia. Vengono organizzate diverse attività ricreative, competizioni sportive, gite e feste perché riteniamo sia fondamentale salvaguardare il diritto di essere bambini. Molti bambini vivono ancora in condizioni di estrema povertà e hanno urgente bisogno di sostegno.

Le cause della fame nel mondo sono molto più complesse di quanto normalmente si pensi. Alla base della carenza di cibo ci sono elementi connessi allo sviluppo economico, ai sistemi sanitari e allo sviluppo sociale; ci sono conflitti e discriminazioni di genere. Ad esempio, l’accesso all’acqua può essere limitato non solo dalla scarsità di acqua presente in natura, ma anche da barriere istituzionali o finanziarie che ne impediscono l'utilizzo da parte delle comunità.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl