[COMUNICATO STAMPA] Sconfitti i cacciatori al TAR Umbria

23/nov/2006 22.30.00 Caccia il Cacciatore Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
[COMUNICATO STAMPA]
SCONFITTA DEI CACCIATORI: IL TAR DELL'UMBRIA RESPINGE
LA RICHIESTA DI SOSPENSIVA PER L'ORDINANZA DI DIVIETO DI CACCIA
EMESSA DAL SINDACO DI CASTIGLIONE DEL LAGO (PG)
23 novembre 2006

"Il 22 novembre resterà una data memorabile per la Regione Umbria", dice Maurizio Giulianelli dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Caccia:- "l'Ordinanza n.61 del 20 luglio 2006 di divieto di caccia emessa dal Sindaco di Castiglione del Lago (PG) per tutelare l'incolumità pubblica e le attività di una nota Azienda agraria ha visto la legittimazione del TAR Umbria, il quale ha respinto l'istanza di sospensiva avanzata dall'ATC Perugia 1. Il TAR non ha accolto le pretestuose obiezioni avanzate dalla lobby venatoria ed ha riconosciuto il carattere di contingibilità e urgenza propri dell'Ordinanza".

Continua Maurizio Giulianelli: "L'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Caccia si è vista premiata nel suo sforzo a sostegno di tutti quei cittadini esasperati dai cacciatori che sempre più spesso recano danno e allarme sociale a quanti vivono e lavorano in zone di campagna. I territori agro-silvo-pastorali sempre più abitati subiscono una sistematica azione di danno e disturbo da parte di gente armata che incurante delle distanze di sicurezza dettate dalla legge 157/1992 esercitano la loro pericolosa attività anche a pochi metri da case, strade, luoghi di lavoro.

I cittadini, allarmati dai rischi connessi all'attività venatoria, chiedono oramai in maniera crescente l'emanazione di ordinanze di divieto di caccia al fine di vedere garantita la propria incolumità, la libera fruizione del territorio e il sacrosanto diritto al riposo.

"Per evitare altre vittime, oltre quelle già registrate ad oggi in questa stagione venatoria, 26 morti e 51 feriti (stima per difetto ricavata dalla rassegna stampa), l'unica strada percorribile per ora è questa.", conclude Maurizio Giulianelli dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Caccia.

Per contatti:
Associazione Italiana Familiari e Vittime della Caccia
info@cacciailcacciatore.org - www.cacciailcacciatore.org
Solo per la stampa, da non pubblicare: Maurizio Giulianelli, cell. 338 8334538

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl