Napolitano, gli italiani e la politica (Giovanni Panunzio, resp. Telefono Antiplagio, scrive al Capo dello Stato)

05/gen/2007 23.00.00 Telefono Antiplagio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
lettere@ilmanifesto.it

Il distacco tra politici e italiani
Neldiscorso di fine anno il Presidente della Repubblica ha rivolto unappello agli italiani affinché non si allontanino dalla politica.Perché non ha rivolto lo stesso appello alla politica affinché non siallontani dagli italiani? Forse perché ormai è cosa fatta? IlPresidente non si è accorto che i politici amministrano la cosapubblica come se fosse cosa loro? Non si è accorto che oligarchia eplutocrazia, governo dei ricchi, hanno preso il posto della democrazia?La prova? Da più parti (politiche) si chiede il dimezzamento del numerodei parlamentari, anziché dei loro emolumenti. Signor Presidente,perché diminuire la forza della rappresentanza? Perché devono essere icittadini ad adeguarsi alla politica e non viceversa? Di questo passo,credo che non solo non ci faranno più scegliere i nostri rappresentanti(come è successo alla scorse elezioni), ma ogni eletto dovrà rendereconto ad un numero sempre maggiore di elettori, con il risultato chenon potrà conoscere o affrontare tutti i problemi che gli verrannosottoposti, e la politica sarà sempre più scollata dalla realtà.
Giovanni Panunzio

  4/1/07
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl